Página 1 dos resultados de 21 itens digitais encontrados em 0.005 segundos

A publicidade e suas limitações: a tutela da intimidade e do interesse social na persecução penal; La pubblicità e sue limitazione: la tutela dell intimità e dellinteresse sociale nella persecuzione penale

Silveira, Rodrigo Mansour Magalhães da
Fonte: Biblioteca Digitais de Teses e Dissertações da USP Publicador: Biblioteca Digitais de Teses e Dissertações da USP
Tipo: Dissertação de Mestrado Formato: application/pdf
Publicado em 05/07/2010 PT
Relevância na Pesquisa
16.83%
A garantia da publicidade nas investigações criminais e no processo penal constitui um dos princípios fundamentais do processo penal no Estado Democrático de Direito. Representa, de um lado, garantia política de que o poder jurisdicional somente será exercido por intermédio de uma persecução penal transparente, na qual a fiscalização ex parte populi preserva o indivíduo contra o arbítrio Estatal, propiciando ainda a verificação sobre a regularidade das posturas adotadas no procedimento e a observância das demais garantias processuais: imparcialidade do julgador, contraditório, ampla defesa, legalidade e motivação das decisões. A publicidade, vista sob tal aspecto, confere legitimidade à decisão proferida no processo, o que se mostra imprescindível ao exercício do poder no Estado Democrático de Direito, especialmente no que se refere às funções afetas aos órgãos incumbidos da persecução penal e ao Poder Judiciário, que, em regra, não são desempenhadas por agentes escolhidos mediante intervenção popular. De outro lado, a publicidade também exerce o papel de garantia na persecução penal, viabilizando a atuação de outras garantias, por intermédio do acesso irrestrito às partes, procuradores e juiz a todas as informações constantes dos autos...

O julgamento parcial: possibilidade de cisão do julgamento de mérito relativamente à parte incontroversa da demanda; Il giudizio parziale: possibilita di scissione del giudizio de mérito perquanto riguarda dela parte non controversa della domanda

Nogueira, Gláucia Assalin
Fonte: Biblioteca Digitais de Teses e Dissertações da USP Publicador: Biblioteca Digitais de Teses e Dissertações da USP
Tipo: Dissertação de Mestrado Formato: application/pdf
Publicado em 16/11/2009 PT
Relevância na Pesquisa
16.83%
A dissertação é dividida em duas partes e versa sobre a possibilidade de cisão do julgamento de mérito nas hipóteses de incontrovérsia de parcela da demanda. A primeira parte trata de alguns dos princípios constitucionais aplicáveis ao processo, cuja observância está relacionada ao tema deste trabalho. A partir da análise do princípio constitucional da inafastabilidade da jurisdição, entendido como o direito ao devido processo legal, o qual pressupõe contraditório, ampla defesa, igualdade entre as partes, fundamentação de todas as decisões, além de outras garantias, visando proporcionar a todos uma tutela jurisdicional que seja efetiva, prestada num tempo razoável (art. 5.º, LXXVIII, da CF), e que atenda aos anseios de justiça e pacificação social, busca-se traçar os parâmetros e fundamentos essenciais do estudo. A segunda parte tem como objeto a análise das disposições legais acerca da antecipação dos efeitos da tutela (art. 273 do CPC), do julgamento antecipado da lide (art. 330 do CPC), das hipóteses e requisitos legais de aplicação de ambos os institutos, com enfoque na espécie de cognição envolvida sumária ou exauriente. Procura-se evidenciar suas semelhanças e diferenças, bem como a sua importância para a consecução do objetivo precípuo do processo...

Estudo da motivação das decisões judiciais no século da jurisdição: uma reavaliação do momento jurisprudencial do direito; Studio sulla motivazione delle decisioni giudiziali nel secolo della giurisdizione

Silva, Ana de Lourdes Coutinho
Fonte: Biblioteca Digitais de Teses e Dissertações da USP Publicador: Biblioteca Digitais de Teses e Dissertações da USP
Tipo: Tese de Doutorado Formato: application/pdf
Publicado em 11/06/2010 PT
Relevância na Pesquisa
38.72%
Trata-se de tese de doutorado em que a autora faz um estudo sobre a motivação das decisões judiciais, no intuito de analisar as peculiaridades que a argumentação jurídica adquiriu em um momento de intensa criação judicial do direito e de valorização dos precedentes judiciais. A primeira parte do trabalho avalia a concepção atual de jurisdição em contraposição à visão clássica, focalizando os reflexos da argumentação jurídica na jurisdição do Estado contemporâneo. A segunda parte aborda o perfil do julgador no século que se convencionou chamar de século da jurisdição. É discutida a função criativa que o juiz desempenha diante da interpretação de cláusulas gerais e conceitos indeterminados, e os limites da criatividade judicial em face do dever constitucional de motivar as decisões. Na terceira etapa do estudo são feitas considerações acerca do perfil histórico da motivação, especificamente a exigência da motivação da sentença no processo civil romano, no direito canônico e, por último, a influência das fontes lusitanas sobre a motivação da sentença no direito brasileiro. Na quarta parte, a autora mostra uma perspectiva constitucional da motivação, garantia em um Estado Democrático de Direito e manifestação do devido processo legal substancial...

A motivação na valoração dos fatos e na aplicação do direito

Lyra, Gerson
Fonte: Universidade Federal do Rio Grande do Sul Publicador: Universidade Federal do Rio Grande do Sul
Tipo: Dissertação Formato: application/pdf
POR
Relevância na Pesquisa
18.45%
A motivação das decisões judiciais representa uma das principais garantias da sociedade no Estado Democrático de Direito. O objetivo deste trabalho é o estudo da fundamentação das decisões judiciais, não apenas como requisito do mais importante ato processual, de interesse apenas das partes, mas, sim, e principalmente, como uma garantia constitucional, porque de interesse social. A motivação, na concepção social do processo, como instrumento de pacificação, pode ser considerada como meio de justificação na atividade judicial de apreciação dos fatos e do Direito. Na ampliação do seu significado, vista como garantia, a motivação torna-se instrumento de legitimação das decisões judiciais, como atos de poder, na medida em que obriga o julgador a exteriorizar os fundamentos e as razões que justificaram uma escolha, a de ter sido tomada uma determinada solução para a causa posta em julgamento. Sua importância prática é acentuada, uma vez que por meio dessa garantia torna-se possível às partes o conhecimento não apenas da forma, mas, sobretudo, do conteúdo que integra a decisão judicial, possibilitando valorar se o direito à prova e o argumento jurídico sobre a questão litigiosa foram respeitados e analisados. Daí se afirmar que a motivação é um importante instrumento de realização das demais garantias processuais e constitucionais. Além disso...

TRATTAMENTO CHIRURGICO DEL TUMORE DELLA MAMMELLA IN REGIME DI DAY SURGERY

CARRIERO, CARLO
Fonte: La Sapienza Universidade de Roma Publicador: La Sapienza Universidade de Roma
Tipo: Tese de Doutorado
IT
Relevância na Pesquisa
17.52%
Il tumore della mammella rappresenta una delle malattie oncologiche più frequenti in assoluto nel sesso femminile. La sua diagnosi precoce con i programmi di screenig, il suo trattamento ed il follow up delle pazienti rappresentano voci consistenti nel bilancio della spesa sanitaria. L’intervento chirurgico è ancora oggi, nella maggioranza dei casi, il primo atto terapeutico. Dopo l’introduzione della radioterapia integrata alla chirurgia conservativa, nel corso degli anni, l’aggressività chirurgica ha subito una formidabile modulazione. Più recentemente, nell’ultimo decennio, anche per quanto riguarda il cavo ascellare, il chirurgo ha potuto in molti casi omettere la dissezione radicale, grazie alla tecnica del linfonodo sentinella. Le caratteristiche anatomiche dell’organo e lo standard attuale di trattamento chirurgico permette spesso di effettuare un intervento in tempi operatori brevi e addirittura in anestesia loco-regionale. Alla luce di queste considerazioni è stato proposto ad un gruppo di pazienti affette da tumore della mammella, selezionate con rigidi criteri, di sottoporsi all’interveto in regime di day surgery, senza modificare lo standard di trattamento chirurgico, ma riducendo al minimo il tempo di degenza. Lo scopo del nostro lavoro è stato in primis quello di analizzare e codificare quei casi in cui il tumore della mammella può essere trattato in day surgery. Altro obbiettivo è stato quello di analizzare in modo più specifico i casi in cui la paziente è stata sottoposta anche a biopsia del linfonodo sentinella. Tale tecnica...

Strategie di memoria e di metamemoria: processi motivazionali e di autoefficacia negli adulti e anziani studenti

GIALLONGO, ANITA
Fonte: La Sapienza Universidade de Roma Publicador: La Sapienza Universidade de Roma
Tipo: Tese de Doutorado
IT
Relevância na Pesquisa
16.83%
La ricerca indaga la componente metacognitiva e motivazionale alla base dell’autoregolazione dell’apprendimento, nell’ambito dell’educazione agli adulti e agli anziani (studenti non tradizionali). Obiettivi della ricerca sono stati: verificare le performance mnestiche, motivazionali e di autoefficacia, possedute dagli studenti non tradizionali, confrontandole con le performance di giovani studenti universitari (studenti tradizionali) e di adulti e anziani che non hanno intrapreso nessun corso formativo in età avanzata (non studenti). Attraverso la costruzione di uno strumento che misurasse le strategie di memoria e di metamemoria e inserito all’interno di una batteria di test, destinati alla misurazione della motivazione intrinseca, dell’autoefficacia accademica ed emotiva e della tendenza alla desiderabilità sociale, sono state misurate le variabili metacognitive e motivazionali che regolavano il processo di apprendimento in età avanzata.

Participaci??n y liderazgo de mujeres rurales. La comarca del Guadalteba 1995-2011: motivaciones y sentires

Torres Escribano, Mar??a Jos??
Fonte: Universidade de Granada Publicador: Universidade de Granada
Tipo: Dissertação de Mestrado
SPA
Relevância na Pesquisa
16.83%
El presente trabajo de investigaci??n pretende ser una reflexi??n sobre la participaci??n y el liderazgo de las mujeres de la zona rural malague??a de la comarca del Guadalteba. Analizar?? las motivaciones que les llevan a participar en la pol??tica municipal y en el tejido asociativo de sus pueblos, la manera en que lo hacen, c??mo contribuyen al desarrollo propio y al de su entorno, la percepci??n que tienen sobre el ejercicio de su liderazgo y si conciben su protagonismo como importante. Palabras clave: mujeres, ruralidad, igualdad de g??nero, pol??tica, participaci??n, liderazgo, asociacionismo, motivaci??n, visibilizaci??n.; Il presente lavoro pretende essere una riflessione sulla partecipazione e la leadership delle donne della zona rurale del territorio di Guadalteba (Malaga). Analizzer?? le motivazioni che le portano a partecipare alla politica comunale e al tessuto associativo dei loro paesi, il modo in cui lo fanno, come contribuiscono allo sviluppo proprio e dei loro dintorni e del loro ambiente, la percezione che hanno sull'esercizio della loro leadership e se ritengono importante il loro protagonismo. Parole chiavi: donne, ruralit??, parit?? di genere, politica, partecipazione, leadership, associazionismo, motivazione...

Progetti Rfid per le Compagnie Portuali

AZZALIN Graziano; STRINGA Elena
Fonte: The Biz Loft Publicador: The Biz Loft
Tipo: Articles in Journals Formato: Online
ITA
Relevância na Pesquisa
16.83%
Nella catena di distribuzione (Supply Chain) il tempo necessario per i controlli di sicurezza e di Dogana, così come i costi delle infrastrutture di porti e interporti, hanno un impatto considerevole sui costi di spedizione. Per essere più competitivi, le compagnie portuali stanno investendo in nuove tecnologie per aumentare l'efficienza delle procedure di Dogana e di sicurezza. Lo scopo è quello di minimizzare il tempo in cui i container sostano nelle aree portuali offrendo servizi di alta qualità aumentando allo stesso tempo la sicurezza dell'intero processo di distribuzione. Uno dei requisiti fondamentali per le nuove tecnologie è quindi quello di richiedere infrastrutture minime che impattino il meno possibile le infrastrutture già esistenti. I sistemi di identificazione e sigillatura a radiofrequenza (RFID) rappresentano una soluzione fattibile che comprende anche il vantaggio di avere un impatto minimale alle infrastrutture portuali per la loro implementazione. Allo stesso tempo, questi sistemi migliorano la qualità del lavoro degli operatori coinvolti. Infatti, anziché sostituire l'operatore, le soluzioni RFID proposte sono progettate e installate per aumentare la responsabilità umana tramite compiti di più alto livello; in questo modo la motivazione del lavoratore è maggiore e questo è un ulteriore fattore che aumenta la sicurezza del processo di distribuzione.; JRC.DG.G.7-Traceability and vulnerability assessment

L'elettore pigro: Informazione politica e scelte di voto

CAMPUS, Donatella
Fonte: Bologna, il Mulino Publicador: Bologna, il Mulino
Tipo: Livro
IT
Relevância na Pesquisa
16.83%
(Published version of EUI PhD thesis, 1997.); L'aumento dell'astensionismo elettorale, fenomeno oggi attuale in Italia così come in molti altri paesi occidentali, e più in generale lo scarso interesse dei cittadini verso la politica generano dubbi e perplessità sull'effettivo funzionamento delle democrazie moderne. Lo studio delle predisposizioni e del comportamento degli elettori mostra che essi sono senza dubbio «pigri», nel senso di poco inclini a dedicare tempo ed attenzione alla politica. Ma gli elettori sono in grado di sopperire alla loro scarsa competenza in materia di politica grazie a «scorciatoie cognitive », vale a dire opportune strategie di raccolta e di elaborazione dell'informazione che consentono di prendere decisioni di voto relativamente informate. L'autrice presenta una rassegna completa ed aggiornata di come la letteratura politologica — dalle teorie tradizionali ai più recenti modelli della cognizione politica — ha interpretato il problema dell'informazione e concentra l'attenzione sui processi di ragionamento attraverso i quali gli individui percepiscono e rappresentano il mondo della politica. Il volume illustra inoltre i risultati di un'indagine empirica sulla conoscenza politica degli elettori italiani...

IL PRETESTING DEL QUESTIONARIO STRUTTURATO. L'ANALISI DELL'INTERAZIONE TRA INTERVISTATORE E INTERVISTATO

PALMIERI, MARCO
Fonte: La Sapienza Universidade de Roma Publicador: La Sapienza Universidade de Roma
Tipo: Tese de Doutorado
IT
Relevância na Pesquisa
17.88%
Nella lunga tradizione di riflessioni e ricerche sul tema della “qualità del dato”, mi sembra che due posizioni, tra loro antitetiche, prevalgano sulle altre: una di origine comportamentista secondo la quale la qualità del dato è definita come “assenza di distorsioni nel processo di misurazione” (Groves 1991); l’altra, che Mauceri (2003) ha chiamato “pragmatica”, vede nella qualità del dato “la soddisfazione delle condizioni logiche e metodologiche necessarie al conseguimento degli obiettivi cognitivi della ricerca”. La prima nasce nella psicometria ed è stata successivamente importata nella metodologia della ricerca sociale. Nell’ottocento si diffuse quello che von Hayek (1989) ha chiamato “atteggiamento scientista”, in base al quale le scienze sociali possono svilupparsi solo seguendo strettamente gli orientamenti e i procedimenti delle scienze fisiche. Tale atteggiamento è ancora oggi diffuso. Secondo questa visione, il compito della scienza, di tutte le discipline scientifiche, è individuare relazioni essenzialmente quantitative tra le proprietà indagate di un oggetto, dando per scontata una sostanziale equivalenza tra scienza e misurazione. Lundberg (1939) ha scritto che "se la misurazione dei fenomeni sociali è possibile...

LA HADATHAH IN MAROCCO DALLA STORIA ALLA LETTERATURA; MUHAMMAD BANNIS COME CASO DI STUDIO

GHERIB, ASMA
Fonte: La Sapienza Universidade de Roma Publicador: La Sapienza Universidade de Roma
Tipo: Tese de Doutorado
IT
Relevância na Pesquisa
16.83%
É difficile negare che la hadāthah, concetto proveniente da una cultura diversa rispetto a quella arabo-musulmana e che rappresenta una sfida morale e materiale, ad oggi rappresenta una vera e propria problematica in Marocco e negli altri Paesi arabo-musulmani. Molte sono le istituzioni che s’impegnano nel divulgare il fenomeno soprattutto in campo letterario, investendo ingenti capitali e risorse umane ma, sebbene il materiale prodotto sulla hadāthah letteraria marocchina sia di notevole eterogeneità, non si è mai pensato di fornire una rappresentazione storica completa del fenomeno stesso. Molto spesso sono state tralasciate le circostanze che hanno portato alla sua nascita e l’indagine su cosa abbia reso così difficile individuare le caratteristiche che differenziano la hadāthah marocchina da quella di altri Paesi arabi; ciò non ha permesso di chiarire se e in che modo il fenomeno abbia innescato o meno un meccanismo di convivenza con l’Islam. Inoltre, risultano ancora oscuri i motivi che hanno spinto i letterati marocchini, i poeti in particolar modo, a ricercare il rinnovamento della produzione letteraria e a rivolgersi, come il resto dei poeti arabi di differente provenienza, al modello e allo stile della poesia occidentale anziché ai versetti coranici ritenuti da sempre l’espressione più eloquente della lingua araba. Infine...

Volontari al tempo dell'individualismo. Identikit, genere e motivazioni al comportamento prosociale dei giovani

BARTOLOTTA, MANUELA
Fonte: La Sapienza Universidade de Roma Publicador: La Sapienza Universidade de Roma
IT
Relevância na Pesquisa
16.83%
La ricerca dottorale ha indagato l’evoluzione del comportamento prosociale in Italia, ovvero quelle forme di attivismo civico orientate all’altruismo e alla solidarietà, alla luce delle trasformazioni socio-culturali che hanno accompagnato il passaggio alla società postmoderna. Con il crollo delle certezze e la crisi di quei riferimenti tradizionali (scuola, istituzioni,politica, religione) che conferivano agli individui la possibilità di identificarsi (Fforde, 2005; Giddens, 1994; Harvey, 1989; Lyotard, 1997; Sennet, 1999), la cittadinanza sta diventando portatrice di nuovi modelli di socialità: forme di appartenenza solidali finalizzate alla rivendicazione di nuovi diritti o alla risoluzione di problematiche sociali emergenti (Bartoletti, Faccioli, 2013; Cirillo, 2010; Jenkins, 2008; Rodger, 2004). Il passaggio alla società postmoderna, infatti, ha coinvolto una radicale modificazione dei criteri attraverso cui si stabiliscono relazioni significative e lo stesso atteggiamento prosociale ha acquisito nuove valenze e nuovi significati. Lo scenario che sempre più caratterizza l’epoca contemporanea, del resto, appare dominato da valori che, per molte ragioni, sembrano opposti a quelli che dovrebbero orientare i comportamenti finalizzati al benessere collettivo e le accezioni di “cultura dell’egoismo e dell’individualismo” inquadrano bene questo nuovo spirito (Beck...

BILINGUE E BICULTURALE?UNO STUDIO SULLA PERCEZIONE DELLA LINGUA E DELLA CULTURA ITALIANA IN DOCENTI DI LINGUA ITALIANA IN ARGENTINA

BRACONE, IRENE
Fonte: La Sapienza Universidade de Roma Publicador: La Sapienza Universidade de Roma
Tipo: Tese de Doutorado
IT
Relevância na Pesquisa
16.83%
Lo studio presentato nasce da un interesse sulla condizione psicologica e culturale di quei docenti di italiano che operano in scuole italiane all'estero, in quanto necessariamente coinvolti in un processo di formazione dell' identità culturale dei loro alunni e non solo di insegnamento della lingua. In questo senso, essi sono partecipi di un progetto educativo che, in maniera più o meno esplicita e più o meno armonica, tende al biculturalismo oltre che al bilinguismo. Come ogni situazione fortemente dialettica, tale condizione ha in sé un grande potenziale di riflessività sia sulle rispettive lingue che sulle rispettive culture a confronto, ed investe necessariamente sia i docenti che gli alunni, con modalità differenti. E' questo livello "meta", sia metalinguistico sia metaculturale, messo in atto da docenti di lingua italiana all'estero, che si è voluto studiare a vari livelli. La ricerca si è svolta nelle scuole italiane, riconosciute dal Governo Italiano e per questo considerate paritarie, che si trovano in Argentina, nelle quali è stato possibile reperire una popolazione di docenti, distinti poi in docenti italiani e docenti argentini che hanno svolto un percorso formativo per il raggiungimento del titolo di docente di italiano. Sono stati utilizzati come strumenti di ricerca un'intervista autobiografica che mettesse in luce aspetti personali sul rapporto con la lingua italiana e sulla motivazione all'insegnamento della stessa; un'intervista semistrutturata sulla percezione di alcuni aspetti della lingua italiana...

VIOLAZIONI FORMALI E PROCEDIMENTALI E CONSEGUENZE SULL'EFFICACIA DEGLI ATTI DELL'AMMINISTRAZIONE NEL DIRITTO TRIBUTARIO CHE CAMBIA

FARRI, FRANCESCO
Fonte: La Sapienza Universidade de Roma Publicador: La Sapienza Universidade de Roma
Tipo: Tese de Doutorado
Relevância na Pesquisa
16.83%

Modelli a poli comuni per sistemi acustici multicanale

BUNKHEILA, GABRIELE
Fonte: La Sapienza Universidade de Roma Publicador: La Sapienza Universidade de Roma
Tipo: Tese de Doutorado
IT
Relevância na Pesquisa
16.83%
Questa tesi raccoglie i più rilevanti risultati del lavoro svolto dall'autore nel quadro del XXI ciclo del Dottorato di Ricerca in Ingegneria dell'Informazione e della Comunicazione nel triennio accademico 2005-2008 presso la Facoltà di Ingegneria della Sapienza di Roma. L'argomento centrale, e insieme il lo conduttore del materiale presentato, è un metodo numerico di rappresentazione di funzioni di trasferimento acustiche detto a Poli Acustici Comuni, e abbreviato nel seguito con l'acronimo CAP (dall'inglese Common Acoustical Poles ), originariamente introdotto nel 1992 [1]. Tale metodo, già usato con successo in questo dipartimento [2] promette di rappresentare gran parte delle proprietà acustiche di un ambiente con nato per mezzo di una componente ricorsiva comune a tutti i canali acustici entro l'ambiente scelto(ovvero ad ogni accoppiamento lineare tra una sorgente e un sensore) . Una simile prospettiva riveste notevole interesse per tutte quelle applicazioni, in ambiti come le Telecomunicazioni, la Multimedialità e l'Intrattenimento, che sfruttano interfacce acustiche, mobili o multicanale, per la riproduzione o la cattura di contenuti sonori. Il riferimento va in particolare a quella classe detta di interfacce acustiche intelligenti [3]...

La condizione sociale del lavoro nell'era della flessibilità

ELIA, MARCO
Fonte: La Sapienza Universidade de Roma Publicador: La Sapienza Universidade de Roma
Tipo: Tese de Doutorado
IT
Relevância na Pesquisa
16.83%
E’ noto come la flessibilità del lavoro, nel cosiddetto “ambito europeo”, sia avvertita ormai da tempo come una assoluta necessità. A conferma di quanto detto è sufficiente osservare la direzione seguita dalle riforme del mercato del lavoro che in tutti i singoli contesti nazionali si sono succedute negli ultimi due decenni: tutte, senza eccezioni, vanno nella direzione della flessibilizzazione dei mercati del lavoro. All’interno di questo quadro, le domande di ricerca a cui si tenta di dare risposta sono le seguenti: come vanno interpretate, dal punto di vista del lavoro dipendente, le concrete espressioni della flessibilità? Che tipo di conseguenze hanno le stesse sul benessere sociale sperimentato dai lavoratori e lavoratrici interessati dal fenomeno? Come va interpretata, più in generale, la flessibilità nell’ottica dell’analisi dell’evoluzione storica della condizione sociale del lavoro dipendente? La trattazione si apre nel primo capitolo con un inquadramento concettuale della flessibilità. Al centro dell’analisi vi saranno il carattere multidimensionale del fenomeno e la sua natura innovativa ed atipica nei confronti del cosiddetto lavoro standard. Dopo avere inquadrato concettualmente la flessibilità...

PROCESSI MOTIVAZIONALE E VOLITIVI NELL'APPRENDIMENTO: analisi di alcune variabili predittive della riuscita scolastica

Pallini, Susanna
Fonte: La Sapienza Publicador: La Sapienza
Tipo: Tese de Doutorado
IT
Relevância na Pesquisa
16.83%
Merete Amann Gainotti Alessandra Farneti, Paolo Renzi

O dever de motivar a despedida

Severo, Valdete Souto
Fonte: Pontifícia Universidade Católica do Rio Grande do Sul; Porto Alegre Publicador: Pontifícia Universidade Católica do Rio Grande do Sul; Porto Alegre
Tipo: Dissertação de Mestrado
PORTUGUêS
Relevância na Pesquisa
17.52%
Esta dissertação tem como objeto o dever de motivação da despedida, tal como previsto não apenas no artigo 7°, inciso I, da Constituição da República Federativa do Brasil, como também em todo o ordenamento jurídico brasileiro. Utilizando o instrumento de análise comparativa, especialmente em relação ao ordenamento jurídico italiano, o escopo desse escrito é evidenciar a necessidade de efetivar tal dever fundamental. O artigo 7°, inciso I, da Constituição de 1988 estabelece como direito fundamental de todos os trabalhadores uma relação de emprego protegida contra a despedida arbitrária ou sem justa causa. Analisaremos a eficácia desse dispositivo constitucional, a partir da compreensão de que ao instituir um direito fundamental para os trabalhadores, a ordem constitucional vigente cria um dever igualmente fundamental que obriga diretamente o empregador e o Estado-Juiz.; La presente tesis ha ad oggetto il dovere di motivazione del licenziamento, così come desumibile non solo dall’art. 7°, comma I, della Costituzione della Repubblica Federatibva del Brasile ma da tutto l’ordinamento giuridico brasiliano. Utilizzando lo strumento dell’analisi comparativa sopratutto con l´ordinamento giuridico italiano il fine del presente scritto è quello di evidenziare la necessità dell’effettività di tale dovere fondamentale. L´articolo 7°...

Insegnare l'italiano per fini specifici : motivazione e apprendimento cooperativo

Ferioli, Angela
Fonte: Universidade Autônoma de Barcelona Publicador: Universidade Autônoma de Barcelona
Tipo: Article; info:eu-repo/semantics/article; info:eu-repo/semantics/publishedVersion Formato: application/pdf
Publicado em //1998 ITA
Relevância na Pesquisa
16.83%
The purpose of this communication is to situate cooperative language learning and teaching in the sphere of foreign language education, specially of the Italian as second language to students of a Management School. The concepts of collaborative or cooperative learning have emerged in the last fifteen years, incorporating principles of learner-centrededness into programs. With regard to this point, the aim is to motivate the students of technical schools or colleges to learn the L2 for their future jobs. One of the basic teaching techniques associated with cognitive theory is based on activities related to the learners' subject specialization. Yet, this is not enough to motivate young students to improve the four traditional skills in the target language. So, in the classroom of a foreign language for specific purposes, teacher can link the various methodological approaches with cooperative learning in small groups, to increase the awareness about learning, and about language, and to implement an integrative motivation. The collaborative efforts to work together in the classroom, with the students organized in structured teams, involve and encourage to develop metacommunicative as well as communicative skills.

About Usufruct's Subject in Roman Law; ..; Em tema de usufruto em direito romano

Corrêa, Sara Mazzanti
Fonte: Universidade de São Paulo. Faculdade de Direito Publicador: Universidade de São Paulo. Faculdade de Direito
Tipo: info:eu-repo/semantics/article; info:eu-repo/semantics/publishedVersion; Formato: application/pdf
Publicado em 01/01/1987 POR
Relevância na Pesquisa
17.88%
1. Cicerone riporta la disputa tra i giuristi Plubius Mucius Scaevola, Manius Manilius e M.Iunius Brutus, per quanto riguarda il fatto di considerarsi frutto il parto della schiava data in usufrutto. 2. È prevalsa la tesi di Brutus, secondo cui il figlio della schiava spetta al nudo proprietario, e così non viene annoverato fra i frutti. 3. Nel Digesto, il principio formulato da Brutus viene ammesso nei passi di Gaio (2 rer. cott., D. 22.1.28.1 = I. 2.1.37) ed Ulpiano (17 ad Sab., D. 7.1.68 pr.). 4. La motivazione data da Gaio al fatto di non venire annoverato fra i frutti il partus ancjllae ha un fondamento di carattere filosofico. 5. Dall'altra parte, la motivazione presentata da Ulpiano, nonostante l'apparente motivo filosofico, ha una colorazione di ordine economica, che si potrebbe spiegare in base all'analisi della grande crise economia del III sec. d.C. 6. Il problema principale riguarda la mancata motivazione di Brutus al principio da lui determinato, cioè che il partus ancillae in fructu non est, non ne facendo qualsiasi riferimento le fonti.