Página 1 dos resultados de 170 itens digitais encontrados em 0.001 segundos

Vedação da concorrência do trepassante do estabelecimento empresarial: seus limites e sua aplicação no espaço real e virtual.; Divieto di concorrenza del trepassante dello stabilimento imprenditoriale: i suoi limiti e la sua applicazione nello spazio reale e virtuale

Queiroz, Regis Magalhães Soares de
Fonte: Biblioteca Digitais de Teses e Dissertações da USP Publicador: Biblioteca Digitais de Teses e Dissertações da USP
Tipo: Dissertação de Mestrado Formato: application/pdf
Publicado em 03/08/2000 PT
Relevância na Pesquisa
27.11%
Nesse trabalho, a empresa é encarada pelo perfil funcional, primeiramente sob um ponto de vista interno, quando são analisados seus fatores componentes, notadamente o aviamento e a clientela -, em seguida pela perspectiva externa, quanto é tratada como objeto de direitos. Nessa parte, estuda-se o trespasse da azienda e a proibição de concorrência do alienante como uma sua conseqüência natural, implícita mas derrogável, desse tipo de negócio jurídico. Essa obrigação é, então, analisada à luz dos princípios da liberdade de iniciativa e da livra concorrência, concluindo-se pela harmonia entre eles quando a vedação da concorrência é limitada no seu objeto e no espaço geográfico, bem como por um período definido de tempo. Nessa parte, propõe-se o recurso aos conceitos de mercado relevante para definição do objeto e da área em que a concorrência é proibida, bem como a aplicação analógica do inc. III, do art. 51 da Lei n° 8.254/91 (em vez do período cuja analogia é a mais invocada, do inc. II do mesmo dispositivo legal). Por fim, é analisada as possibilidade e conseqüências jurídicas que do advento do comércio eletrônico, que altera a noção de mercado geográfico, ampliando as possibilidades de concorrência...

Espaço-tempo e memória : a subjetividade em Le temps retrouvé, de M. Proust

Karam, Henriete
Fonte: Universidade Federal do Rio Grande do Sul Publicador: Universidade Federal do Rio Grande do Sul
Tipo: Tese de Doutorado Formato: application/pdf
POR
Relevância na Pesquisa
27.73%
A tese tem como corpus Le temps retrouvé, de Marcel Proust, e propõe-se a abordar a subjetividade em sua articulação com o espaço-tempo e a memória, através das figurações do corpo e da sensorialidade. Parte-se de três questões identificadas no texto proustiano: (a) a noção de identidade frente às múltiplas e sucessivas imagens do eu; (b) a relevância do corpo e da sensorialidade na interação entre o eu e o mundo; e (c) a representação e a expressão do eu, que, mediante o relato da totalidade das experiências vividas, busca a construção da unidade de sentido. Considerando tais questões, postula-se – com base nas diretrizes teóricas e metodológicas do modelo semiótico análogo-digital desenvolvido por D. del Pino – que a relevância com que a subjetividade e o corpo vêm sendo reintegrados no discurso da maioria das ciências humanas; a inviabilidade de, após a revolução provocada pelas teorias da relatividade e da mecânica quântica, se conceber o tempo como entidade isolada do espaço; paralelamente, o estatuto de liminaridade, tanto da memória, quanto da subjetividade, proporciona específico viés de leitura, análise e interpretação da obra. A partir de tais pressupostos, estuda-se a consciência do corpo...

“Eu é que fico com a minha irmã” : vida quotidiana das crianças na periferia de Maputo

Colonna, Elena
Fonte: Universidade do Minho Publicador: Universidade do Minho
Tipo: Tese de Doutorado
Publicado em 18/06/2012 POR
Relevância na Pesquisa
27.11%
Tese de doutoramento em Estudos da Criança (especialidade em Sociologia da Infância); Partindo dos pressupostos da Sociologia da Infância, que considera as crianças como actores sociais e a infância como uma construção social e cultural, o presente trabalho objectiva investigar a experiência específica de “ser criança” das crianças de um bairro da periferia de Maputo, em Moçambique. A pesquisa, desenvolvida por um período de 18 meses, foi dividida em duas etapas: a primeira teve lugar na escola, para entrar em contacto com as crianças (3 turmas de 6ª classe por um total de 120 crianças, entre os 10 e os 17 anos de idade) e ter uma visão geral sobre as suas vidas, as suas experiências quotidianas e a maneira como elas as representam; a segunda fase realizou-se fora da escola, para acompanhar as rotinas quotidianas das crianças, em casa e em outros espaços, e envolveu algumas crianças do primeiro grupo, mais um conjunto de outras crianças parentes, amigas ou vizinhas destas, através da amostragem em bola-de-neve. A metodologia de investigação utilizada foi a etnografia, complementada por um conjunto de ferramentas inspiradas nas metodologias participativas e visuais, tais como entrevistas, grupos de discussão...

La filosofia del partenariato come alternativa alla privatizzazione dello spazio pubblico.; La separazione tra pubblico e privato rende più complessa, in Italia, la produzione e la gestione dello spazio pubblico rispetto all’esperienza della città moderna. Condizioni e innovazioni nelle pratiche italiane per l’affermazione di tale filosofia

MARIANO, CARMELA
Fonte: La Sapienza Universidade de Roma Publicador: La Sapienza Universidade de Roma
Tipo: Tese de Doutorado
IT
Relevância na Pesquisa
37.82%
Ripercorrendo la dinamica della trasformazione dello spazio pubblico, dalla città storica alla città contemporanea, la ricerca analizza i motivi della “crisi” dello spazio pubblico della città contemporanea e propone una lettura critica delle recenti esperienze di pianificazione in tema di spazi pubblici che si caratterizzano per il ricorso, da parte delle amministrazioni locali, a forme di collaborazione tra soggetti pubblici e privati (partenariato). L’obiettivo è quello di individuare una possibile procedura di realizzazione di spazio pubblico che garantisca, il raggiungimento della qualità del progetto e la sua efficacia nel tempo.

La costruzione dello spazio del sacro cattolico nell XXI secolo in Italia e Francia fra tradizione e futuro, attrattività e repulsione. Esperienze a Roma e Parigi dopo il Grande Giubileo

MARCUCCETTI, ANDREA
Fonte: La Sapienza Universidade de Roma Publicador: La Sapienza Universidade de Roma
Tipo: Tese de Doutorado
IT
Relevância na Pesquisa
37.73%
Quali sono le problematiche poste per la costruzione di una chiesa del terzo millennio nel tessuto urbano? Quali sono, attualmente, i luoghi di culto – più o meno visibili – capaci di attirare fedeli, abitanti ma anche visitatori o migranti in transito? Che tipo di conflitti la costruzione di una chiesa o più generalmente di uno spazio del sacro, può generare in un quartiere e quali potrebbero essere le condizioni per evitarlo ? In certi casi, i luoghi di culto contribuiscono a rinforzare il sentimento di appartenenza e/o d’identità ; sono anche dei punti di orientamento nella città, che, supera la scala della loro comunità aprendosi anche ad altre confessioni. Essi partecipano alla vita urbana attraverso molteplici eventi che possiamo qualificare di cultura (concerti, kermesses, rappresentazioni teatrali). Questo lavoro interroga la nozione di sacro tanto dal punto di vista spaziale, attraverso l’analisi delle chiese costruite a Roma e a Parigi, dopo il Grande Giubileo (tra il 2000 e il 2010), che dal punto di vista delle rappresentazioni individuali e collettive; i poli della celebrazione liturgica e le loro diverse componenti sono considerati anche come dei luoghi che rivelano una cultura e non degli oggetti presi individualmente. Tra tradizione e futuro...

MEMORIA E SPAZIO URBANO

SULPIZI, ELIANA
Fonte: La Sapienza Universidade de Roma Publicador: La Sapienza Universidade de Roma
Tipo: Tese de Doutorado
IT
Relevância na Pesquisa
27.11%

Competizione e spazio politico. Le elezioni si vincono davvero al centro?

DE SIO, Lorenzo
Fonte: Bologna, Il Mulino, 2011 Publicador: Bologna, Il Mulino, 2011
Tipo: Livro
IT
Relevância na Pesquisa
27.11%
II comportamento elettorale viene spiegato per lo più in base al cosiddetto "teorema dell'elettore mediano", secondo cui i partiti, per vincere le elezioni, devono spostarsi progressivamente verso il centro, fino a diventare indistinguibili l'uno dall'altro. E tuttavia questo modello, semplicemente, non funziona. Se funzionasse, dovrebbe vincere sempre chi si trova al centro dello spazio politico, mentre sappiamo che possono avere successo candidati fortemente sfavoriti dalla loro "collocazione spaziale", ovvero lontani dal punto mediano. Ciò perché gli elettori non sono ostaggi del proprio orientamento politico, ma votano considerando anche fattori slegati da posizioni di parte. Determinante a questo proposito è il grado di interesse per la politica: gli elettori meno coinvolti sono maggiormente capaci di esprimere un voto svincolato dall'orientamento politico. Questo interessante modello alternativo, che spiega risultati altrimenti incomprensibili, viene testato sulla base di sondaggi riguardanti venti consultazioni elettorali in Italia, in Francia e negli Stati Uniti nell'arco di trent'anni.

Verso l'Europa dei diritti : lo spazio europeo di libertà, sicurezza e giustizia

Fonte: Instituto Universitário Europeu Publicador: Instituto Universitário Europeu
Tipo: Livro
IT
Relevância na Pesquisa
27.11%
L'eliminazione delle frontiere nell'Unione europea agevola l'esercizio del diritto dei cittadini di circolare e soggiornare nel territorio di tutti gli stati membri. Ma pone anche problemi difficili: può favorire la criminalità, libera di spostare più facilmente i suoi traffici; e può aggravare le conseguenze negative di politiche nazionali divergenti in materia di immigrazione e diritto di asilo. La costruzione di uno Spazio europeo di libertà, sicurezza e giustizia mira a risolvere questi problemi. È un'impresa ardua e complessa, di grande importanza per tutti gli europei.

Architetture Dis_Perse. Accelerazione e moltiplicazione del frammento. Luoghi del conflitto: aree urbane di nuove migrazioni e territori di guerra, generatori complessi della trasformazione e della ricerca di nuovi rapporti architettonici e urbani.

CUTRI', MARIA TERESA
Fonte: La Sapienza Universidade de Roma Publicador: La Sapienza Universidade de Roma
Tipo: Tese de Doutorado
IT
Relevância na Pesquisa
18.02%
La ricerca si propone di portare un (piccolo) contributo alla riflessione attorno ad una possibile e diversa interpretazione dello spazio, a partire da quelle forme insediative “informali” prodotte da quote numericamente importanti e in crescita di migrazione, guerriglie e guerre, tali da provocare un’accelerazione della frammentazione del territorio e della città. Come, quindi, da condizioni e configurazioni urbane e territoriali emergenti di grande criticità, definite prevalentemente dalla scarsità di risorse si possano aprire scenari possibili di un nuovo abitare, in direzione della formazione di nuovi paradigmi urbani che, come uno spillone, si conficcano nello spazio privo di ombre di un modo di fare e leggere la città secondo categorie “classiche” del pensiero. La convinzione, espressa nel sottotitolo della ricerca, che la progettazione negli ambiti informali, rappresenti, ad oggi, un terreno importante di sperimentazione e ricerca, pone in primo piano alcuni temi: 1_La ricerca e la comprensione rispetto ad una diversa e ipotizzabile nozione critica di spazio. Tale da restituire ai concetti di territorio e città, prima ancora della forma, quella rottura fondamentale alla base di tutte le imperfezioni e instabilità. Che dalle parole di Michel Foucault trova una sua materializzazione suggestiva nelle immagini dei Terrain instabili disegnati da Lebbeus Woods. Restituzione assimilabile quasi alle pietre ancora smontate della città. Nelle “forme” che qui si intendono della Dis_persione rispetto alle quali...

Le forme dell'abitare. Badolato tra abbandono e costruzione d'identità

SCACCIA, GIAMPIERO
Fonte: La Sapienza Universidade de Roma Publicador: La Sapienza Universidade de Roma
Tipo: Tese de Doutorado
IT
Relevância na Pesquisa
27.89%
La tesi studia lo spopolamento e l’abbandono di Badolato, borgo medievale calabrese, analizzandone le forme del popolamento e le trasformazioni della cultura dell’abitare. L’analisi è declinata sulla base di concetti nodali del pensiero antropologico correlati al tema: quelli di luogo e non-luogo; centro e ricerca/perdita del centro; angoscia territoriale e spaesamento/appaesamento; organizzazione, gestione e sacralizzazione dello spazio; identità (etnica, territoriale, urbana) e costruzione/invenzione dell’identità. La lettura delle dinamiche insediative ha consentito di contestualizzare le fasi di popolamento di Badolato, connesse alla demografia della Calabria medievale. Attraverso lo studio dell’impianto urbanistico abbiamo individuato le componenti identitarie che ne hanno definito la fisionomia sociale. Abbiamo interpretato l’organizzazione dello spazio e la distribuzione della popolazione come – insieme – causa/effetto delle divisioni di classe, dei rapporti di genere, delle appartenenze d’ordine religioso; e indagato quanto queste componenti abbiano contribuito ad affermare un radicato senso d’appartenenza e identità, su base territoriale. Si sono esaminate le principali componenti storiche, urbanistiche...

“ARCHITETTURA RISONANTE”. IL CASO DELLA SALA DELLA MUSICA DI VILLA CONTARINI A PIAZZOLA SUL BRENTA

MADEDDU, CARLA
Fonte: La Sapienza Universidade de Roma Publicador: La Sapienza Universidade de Roma
Tipo: Tese de Doutorado
IT
Relevância na Pesquisa
17.89%
Questa ricerca si sofferma ed esplora uno spazio singolare,la "Sala della Musica" detta anche "Sala della Chitarra Rovesciata", nome legato alle peculiari caratteristiche della sua forma, che fa parte del complesso di Villa Contarini a Piazzola sul Brenta in Veneto. Un tema, questo, legato al rapporto tra musica e architettura, applicato ad un caso specifico. Ricca di vicende storiche la villa ha attraversato un lungo periodo di trasformazioni sia dal punto di vista architettonico che territoriale e sociale. Oggi la villa, di proprietà della Regione Veneto, giunge a noi come parte integrante della città e della cultura di questo luogo. La sala nasce da un’idea del suo proprietario, il procuratore di Venezia Marco Contarini, durante le trasformazioni e gli ampliamenti avvenuti nella seconda metà del Seicento, come spazio dedicato alla musica nel cuore dell’edificio. Essa si colloca nell’ambito di un ampio programma culturale il cui perno ruotava intorno al suo proprietario che si proponeva come il "mousikós anér", che per i greci designava l’uomo colto. La notevole ampiezza del tema ha comportato da una parte un’indagine storica sull’edificio, dall’altra un’indagine sulle conoscenze tecniche e di pensiero riguardanti la matematica...

Housing in Germania 1980-2005. Standardizzazioni e Pluralismi

Dabic, Antonija
Fonte: La Sapienza Universidade de Roma Publicador: La Sapienza Universidade de Roma
Tipo: Tese de Doutorado
IT
Relevância na Pesquisa
27.73%
La piuttosto insolita tripartizione della forma fisica della presente tesi di dottorato è dovuta all’impostazione decisa dal Collegio docenti del dottorato in Architettura e costruzione – spazio e società. Inoltre va precisato che il tema Housing in Germania fa parte di un tema collettivo ovvero del macrotema Housing in Europa obbligatorio per tutti i dottorandi a partire dal XX ciclo, cioè dall’a.a. 2004-2005. Lo scopo era arrivare a una visione il più possibilmente completa di quanto avviene al progetto di housing nelle varie parti d’Europa nel periodo degli ultimi due decenni del XX secolo, per altro un periodo nel quale il progetto dell’edilizia residenziale pubblica e privata subisce mutamenti notevoli perdendo progressivamente la propria importanza e mutando anche le proprie configurazioni. I tre distinti volumi sono collegati tra loro. Le loro relazioni e la gerarchia interna che si stabilisce tra essi permettono infatti approcci che partono da diversi punti di osservazione. Mentre i volumi I e II costituiscono un’unità o un dialogo, uno testuale e l’altro figurativo, il volume III se ne distacca completamente e volutamente. Esso permette uno spazio di riflessione completamente libera, anche lontana dal tema principale...

Architettura su Misura; Habitat | Abito - Habitus

Kousidi, Stamatina
Fonte: La Sapienza Universidade de Roma Publicador: La Sapienza Universidade de Roma
Tipo: Tese de Doutorado
IT
Relevância na Pesquisa
27.73%
Seguendo l'ipotesi che il corpo umano è circondato da diverse pelli aggiuntive (Virilio 2003, Sparke 2008, De Fusco 2012) all'interno degli spazi abitativi, la Tesi “AsM | Architettura su Misura. Habitat | Abito – Habitus” (AsM) si concentra su quelle definite dagli involucri architettonici e sartoriali e tenta di delineare la natura del rapporto dinamico che si forma tra gli elementi partecipativi distinti. Nel definire tale rapporto, ci si è interrogati sui modi in cui lo spazio interno e l’abito, in collaborazione o singolarmente, possono interagire con la condizione umana. Assumendo la necessità di mettere l'architettura in contaminazione con altre arti e mezzi di comunicazione, e di riconsiderare la natura del suo confine (Derrida 1988), AsM è situata in una zona cross-disciplinare dove la giustapposizione dell’architettura con la nozione del vestito porta alla realizzazione di uno scambio e di una integrazione a livello concettuale, metodologico ed epistemologico; le rispettive pratiche si informano e nutrono l'un l'altra mentre anticipano le future prospettive e tendenze del design. AsM è un progetto di ricerca qualitativa che comprende diversi metodi di indagine: a) analitico-critica: attingendo da casi di studio teorici o progettati una analisi qualitativa e comparativa; b) esperienziale: svolgendo visite...

SETTE TIPI DI SCALE; LA DIMENSIONE URBANA DELLA SCALA TRA RITI SPAZIALITÀ E TEMPO

MARCOALDI, PAOLO
Fonte: La Sapienza Universidade de Roma Publicador: La Sapienza Universidade de Roma
Tipo: Tese de Doutorado
IT
Relevância na Pesquisa
17.94%
Da sempre la scala ha tradotto in forme non solo la necessità pratica di collegare luoghi posti a differenti quote, modellando e misurando con i passi le forme della terra, ma ha dato uno spazio fisico alle più importanti aspirazioni spirituali dell’uomo. I gradoni monumentali in Egitto e Messico consentivano agli uomini di sentirsi più a contatto con le divinità. In Grecia, il crepidoma crea una distanza tra i templi ed il contesto circostante. In India, i terrazzamenti di Varanasi scandiscono i momenti più significativi di un’esistenza, introducono l’uomo alla vita e lo accompagnano alle soglie dell’aldilà. Fanno da sfondo a queste riflessioni le parole di Christian Norberg-Schulz nella prefazione al suo libro Significato nell’architettura Occidentale: "L’architettura si occupa di cose che vanno al di là delle necessità pratiche e dell’economia. Essa si occupa di significati esistenziali." Pertanto le forme archetipe, tra cui la scala, manifestano in primo luogo una funzione strettamente legata all’essenza della forma, una funzione ontologica, ed esprimono in seconda istanza un valore simbolico, che trascende la forma. Il differente rapporto tra funzione ontologica e funzione simbolica determina delle variazioni formali e semantiche. Queste variazioni dipendono principalmente da due fattori: la preponderanza di una funzione sull’altra e la natura del loro rapporto...

Orientamento nello spazio tridimensionale: aspetti percettivi e attenzionali

BARBATO, MARIAPAOLA
Fonte: La Sapienza Universidade de Roma Publicador: La Sapienza Universidade de Roma
Tipo: Tese de Doutorado
IT
Relevância na Pesquisa
27.11%

Verso la Qualità Urbana; "Metodi Tecniche e Indirizzi per il controllo del benessere bioclimatico nello spazio urbano"

NOCE, CRISTIANO
Fonte: La Sapienza Universidade de Roma Publicador: La Sapienza Universidade de Roma
Tipo: Tese de Doutorado
IT
Relevância na Pesquisa
27.6%
Le problematiche scientifiche affrontate nella ricerca vertono attorno a due temi strettamente correlati tra loro: la qualità urbana dello spazio pubblico della città e il controllo del benessere bioclimatico nello spazio urbano, tematiche in linea con le tendenze e le innovazioni introdotte nella ricerca e nel dibattito urbanistico contemporaneo e in particolare circa il ruolo determinante dello spazio pubblico nel definire i livelli di qualità urbana. Si delineano in questo contesto alcuni riferimenti al concetto di sostenibilità urbana, della quale una delle componenti può essere considerata la misura di qualità e di benessere ottenibile attraverso il controllo delle condizioni bioclimatiche alla scala di quartiere. Nella ricerca viene assunto il principio secondo il quale ogni intervento di trasformazione (sia nella città esistente che per parti di città di nuova costruzione) deve contribuire al miglioramento delle componenti ambientali e al controllo progettuale degli aspetti bioclimatici.Il percorso introduttivo, a partire dalla osservazione della condizione urbana attuale, coglie la tensione tra innovazione urbanistica e qualità urbana attraverso una visione di sostenibilità proposta alla dimensione di quartiere. Lo studio e la ricostruzione dei principali passaggi teorici dalla “questione ambientale” alla “sostenibilità urbana” disegna le aperture concettuali e critiche per l’articolazione dell’indagine specifica. La lettura e interpretazione della qualità urbana secondo differenti dimensioni conduce a identificare spazi di indagine dove la dimensione ambientale può essere interpretata come un punto di vista privilegiato attraverso il quale esplorare la qualità urbana in rapporto alle componenti bioclimatiche. I presupposti scientifici di base (sviluppi teorici della sostenibilità urbana) e la costruzione teorica di riferimento sulla qualità urbana orientano dunque il focus della ricerca verso la dimensione ambientale come principio e luogo di sperimentazione per il miglioramento del benessere bioclimatico nel progetto urbanistico. Vengono quindi individuati e analizzati alcuni principali aspetti ravvisati come prevalenti o significativi...

La rappresentazione dello spazio urbano nel cinema documentario. Tre viaggi nell'immagine di Roma

SCIVOLETTO, LUCA
Fonte: La Sapienza Universidade de Roma Publicador: La Sapienza Universidade de Roma
Tipo: Tese de Doutorado
IT
Relevância na Pesquisa
27.11%

Configurazioni di un tempo «futurista»

Pizza, Antonio
Fonte: Universidade Autônoma de Barcelona Publicador: Universidade Autônoma de Barcelona
Tipo: Artigo de Revista Científica Formato: application/pdf
Publicado em //2014 ITA
Relevância na Pesquisa
27.11%
Questo saggio analizza un periodo limitato del movimento futurista italiano (1912- 1914), centrando l’attenzione su come alcuni dei suoi protagonisti (pittori, scultori, architetti) interpretano lo «spazio», quale cosciente registrazione del tempo peculiare che attiene all’opera concreta.Nel caso dei lavori futuristi, si tratterà di una temporalità plurale, considerata nel suo trans-correre come velocità, movimento meccanico, e tradotta quindi, nell’universo creativo, quale «simultaneismo di azioni» e «dinamismo plastico».Simile impostazione aspira a vincolare il soggetto della rappresentazione in modo più credibile al mondo della vita, cercando di articolare un sostanziale carattere di non-finito nelle operazioni artistiche.; This study analyses a specific period (1912-1914) within the Italian futurist movement, concentrating on how some of its protagonists (painters, sculptors, architects, etc.) interpret space in the sense of a conscious record of the peculiar time that affects the specific work. In the case of futurist work, this is a plural temporality considered within its specific passing, such as speed and mechanical movement, and thus transferred into the creative universe as “the simultaneous nature of action” and “plastic dynamism”. Such thinking aspires to a more credible link between the subject of the representation with the world of life...

Case di morti. L’interno domestico come spazio perturbante tra il teat ro antico e la drammat urgia di Maeterlinck e Strindberg

Pasqualicchio, Nicola
Fonte: Universidade Autônoma de Barcelona Publicador: Universidade Autônoma de Barcelona
Tipo: Artigo de Revista Científica Formato: application/pdf
Publicado em //2013 ITA
Relevância na Pesquisa
37.94%
La prima sezione dell’articolo dimostra come in gran parte del XIX secolo la modalità del fantastico prevalente sulle scene europee sia di tipo spettacolare e mirata alla produzione di reazioni immediate di meraviglia o paura da parte del pubblico. In questo caso lo spazio teatrale funziona come una boîte à merveilles, un contenitore di eventi soprannaturali messi in bella vista. Solo verso la fine del secolo, nei drammi di alcuni grandi autori emerge una più raffinata concezione del fantastico, in cui il soprannaturale, oltre ad assumere un forte valore simbolico, irrompe nel «mondo reale» in modo meno evidente ma più efficace e inqiuetante. Lo spazio domestico quotidiano può così diventare ambientazione privilegiata di situazioni o eventi perturbanti o spaventosi. In questo la drammaturgia moderna si riallaccia, più che alla spettacolarità dominante tra teatro barocco e romantico, ad alcune grandi tragedie greche in cui la casa è presentata come il luogo in cui si origina e si annida l’orrore soprannaturale: nella sua seconda parte l’articolo si sofferma a mo’ d’esempio sull’Agamennone di Eschilo. La terza e la quarta parte dell’articolo si focalizzano sulla trasformazione della tipica ambientazione del dramma borghese...

La grammatica dello spazio nel Petrarca latino : le epistole e i loro intertesti medievali

Stella, Francesco
Fonte: Universidade Autônoma de Barcelona Publicador: Universidade Autônoma de Barcelona
Tipo: Article; info:eu-repo/semantics/article; info:eu-repo/semantics/publishedVersion Formato: application/pdf
Publicado em //2006 ITA
Relevância na Pesquisa
37.6%
Studi recenti hanno dimostrato in Petrarca un’autocoscienza lucidissima del significato ideologico della rappresentazione geografica e insieme del senso che questa assume nella biografia culturale del poeta. Con l’Itinerarium Petrarca cerca di superare l’orizzonte della crisi politica trecentesca stabilendo un orizzonte alternativo che coinvolge l’amico Mandelli e insieme, attraverso le cerchie dei primi lettori napoletani e ferraresi, la posterità. Ma questo processo si registra in modalità diverse anche nelle epistole Familiari e metriche: con questo modello implicito di Petrarca pone la patria italica su un piano superiore in un’epoca in cui essa non esiste ancora come soggetto politico, e ne individua le specificità ricavandole dalla propria esperienza di viaggio e di lettura, frammentarie e discontinue nella formulazione ma unitarie nel disegno, che fanno del viaggio un unico grande tropo della coscienza di Petrarca. Il contributo di Francesco Stella sperimenta l’applicazione ad alcune epistole metriche di Petrarca delle analisi sulla retorica dello spazio che sono state tentate per altri grandi scrittori latini. Se è vero che «il Canzoniere non parla se non degli occhi» (Bertone), potremmo dire infatti che le epistole metriche non cantano se non i luoghi...