Página 1 dos resultados de 45 itens digitais encontrados em 0.000 segundos

Tra esilio, memoria e nostalgia: studi su vita, di Melania Mazzucco; Tra Esilio, memoria e nostalgia studi su vita, di Melania Mazzucco

Debenedetti, Sara
Fonte: Biblioteca Digitais de Teses e Dissertações da USP Publicador: Biblioteca Digitais de Teses e Dissertações da USP
Tipo: Dissertação de Mestrado Formato: application/pdf
Publicado em 17/02/2006 PT
Relevância na Pesquisa
28.06%
Vita, de Melania Mazzucco (jovem escritora italiana contemporánea), é um romance que trata sobretudo do exílio, (ex-solum, distância da própria terra, emigração) por meio de uma narrativa que mescla ficção, realidade, memória. Escrito em algumas partes em primeira pessoa, o romance possui uma nuance de autobiografia. A ficção se entrelaça com as pesquisas da memória familiar e pessoal da autora, de modo a narrar uma epopéia coletiva, a qual em raríssimos casos encontrou a via da literatura. Vita e Diamante Mazzucco, os protagonistas, são dois jovens italianos que, no início do século XX, junto à multidão que compôs a grande emigração italiana, afrontam a América, a paixão e a vida. Com um enredo aparentemente limitado a um grupo e a um período histórico, os temas presentes na obra apontam para uma questão contraditória, o limite entre a reportagem verídica e a reconstrução ideal dos fatos, entre a memória histórica e a construção narrativa, colocando em evidência situações análogas. A problemática do "outro" (Vita e Diamante como representantes dos "vencidos", da outra face da história) faz emergir a real alteridade que a literatura - e o romance melhor que outros gêneros - é capaz de trazer à tona...

No deserto a esperar pelos Tártaros: um estudo sobre o tempo no romance Il deserto dei Tartari de Dino Buzzati; Nel deserto di attesa per i Tartari: uno studio del tempo nel romanzo Il deserto dei Tartari di Dino Buzzati

Ataide, Antonio Marcio
Fonte: Biblioteca Digitais de Teses e Dissertações da USP Publicador: Biblioteca Digitais de Teses e Dissertações da USP
Tipo: Dissertação de Mestrado Formato: application/pdf
Publicado em 03/04/2009 PT
Relevância na Pesquisa
27.92%
O presente trabalho propõe um estudo sobre questões de tempo em narrativa no romance Il deserto dei Tartari de Dino Buzzati. Terceiro romance do escritor italiano, publicado em 1940, narra a saga de um oficial de exército que presta serviço a vida inteira em um forte localizado na fronteira norte de seu país que guarda um imenso deserto a sua frente, de onde um dia uma invasão inimiga é esperada. Procuramos estudar no texto, alegoria da condição humana, as diversas relações do homem com seu maior inimigo, o tempo. Tratamos no primeiro capítulo dos trabalhos sobre tempo e narrativa, a partir de vários estudiosos que se ocuparam desse tema e que nos auxiliam em todo o trabalho. No segundo capítulo estudamos mais cuidadosamente a questão do tempo no interior da narrativa, ampliando a análise proposta, no terceiro capítulo, com uma discussão sobre as relações do tempo com o espaço e com o homem.; Questo lavoro propone uno studio sul tempo narrativo nel romanzo Il deserto dei Tartari di Dino Buzzati. Il terzo romanzo dello scrittore italiano pubblicato nel 1940 racconta la vicenda di un ufficiale dellesercito che per tutta la sua vita serve in una fortezza della frontiera nord del suo paese, la quale sta di fronte ad un grandissimo deserto da cui un giorno dovrebbe arrivare uninvasione nemica. Si cerca di studiare in questo romanzo...

A Crise das Utopias: a esquerda nos romances de Antônio Callado; La crisi delle utopie: la sinistra nei romanzi di Antonio Callado

Agazzi, Giselle Larizzatti
Fonte: Biblioteca Digitais de Teses e Dissertações da USP Publicador: Biblioteca Digitais de Teses e Dissertações da USP
Tipo: Dissertação de Mestrado Formato: application/pdf
Publicado em 17/03/1999 PT
Relevância na Pesquisa
27.37%
A dissertação de mestrado procura mostrar como a literatura dialoga com a história para além das questões temáticas. O recorte se dá em torno de Quarup (1967), Bar Don Juan (1971), Reflexos do Baile (1976) e Sempreviva (1981), quatro romances de Antonio Callado que retomam o período histórico compreendido entre a eleição de Getúlio Vargas em 1950 até fins dos anos de 1970. O foco é o Golpe Militar de 1964, sua preparação e consequências para a sociedade brasileira. A intenção é mostrar como a crise da utopia das esquerdas é tecida esteticamente, por meio da construção dos personagens, do espaço, do tempo e da própria estrutura narrativa. Para tanto, a reflexão sobre as obras parte da tipologia descrita por George Lukács na Teoria do romance, tendo como eixo as análises da trajetória dos protagonistas e da forma romanesca; La tesi si propone di mostrare come la letteratura dialoga con la storia al di là delle questioni tematiche. Lo sguardo si fa intorno a Quarup (1967), Bar Don Juan (1971), Reflexos do Baile (1976) e Sempreviva (1981), quattro romanzi di Antonio Callado che riproducono il periodo storico tra l'elezione di Getúlio Vargas nel 1950 fino alla fine del 1970. Il centro dei romanzi è il colpo di stato militare del 1964 e le sue conseguenze per la società brasiliana. L'intenzione è quella di illuminare come la crisi dell'utopia di sinistra è tessuta esteticamente...

A visão distópica de Sebastiano Vassali em 3012 l’anno del profeta

Rosa, Paulo Fernando Zaganin
Fonte: Universidade Estadual Paulista (UNESP) Publicador: Universidade Estadual Paulista (UNESP)
Tipo: Dissertação de Mestrado Formato: 113 f.
POR
Relevância na Pesquisa
27.71%
Coordenação de Aperfeiçoamento de Pessoal de Nível Superior (CAPES); Pós-graduação em Letras - FCLAS; Una delle caratteristiche del ventesimo secolo è stata la proliferazione d’opere distopistiche che confrontano l’idealismo utopistico e altri precedenti storici con una visione pessimistica dell’attuale condizione umana. Nel panorama della letteratura italiana contemporanea, si distacca come opera di carattere distopistico 3012 L’anno del Profeta (1995), di Sebastiano Vassalli, un romanzo storico di fantascienza politica, che si passa nel futuro: nel 5000, l’autore descrive l’anno 3012, così come la sensazione di divario e disordine che avrebbe sommerso l’umanità negli prossimi tre mileni. Comunque, il presente lavoro ha l’intenzione d’esaminare la visione distopistica di Sebastiano Vassalli nel romanzo sopracitato, cercando di stabilire l’importanza dell’opera all’interno della letteratura contemporanea in genere e, in particolare, della letteratura italiana.; Uma das características do século XX foi a proliferação de obras distópicas que confrontam o idealismo utópico e outros precedentes históricos com uma visão pessimista da atual condição humana. No panorama da literatura italiana contemporânea...

A teorização e a prática do romance histórico em Os noivos, de Alessandro Manzoni

Tresoldi, Tiago
Fonte: Universidade Federal do Rio Grande Publicador: Universidade Federal do Rio Grande
Tipo: Dissertação de Mestrado
POR
Relevância na Pesquisa
17.37%
Esta dissertação discute a teorização e a prática do romance histórico oitocentista por Alessandro Manzoni (1785-1873), tanto em sua produção ensaística (em especial Del romanzo storico, de 1850) quanto naquela literária em I promessi sposi [Os noivos] (1842). Para isto, discuto a compreensão contemporânea de “romance histórico” a partir dos entendimentos correntes quanto aos gêneros literários, buscando uma solução na defesa do romance histórico como uma manifestação artística, geográfica e temporalmente particular de um modo narrativo sempre existente e necessário, que busca conciliar o discurso percebido como histórico (de uma verdade correspondente à realidade) com aquele percebido como ficcional (de uma verdade coerente à expectativa do universo literário narrado); a conhecida crise deste gênero é assim analisada pela sua relação com os debates contemporâneos sobre a historiografia, os quais, por sua vez, dificultam uma clara separação entre histórico e ficcional. O romance de Manzoni é deste modo inserido no jogo de forças entre compromissos históricos e ficcionais que, neste entender, marcou sua prática artística desde a juventude, culminando na obra aqui analisada: esta serviu-lhe ao mesmo tempo de laboratório para este gênero então novo e de veículo para a expressão irônica...

Modulo A - parte seconda - Epica e romanzo

Tagliani, Roberto
Fonte: Universidade de Milão Publicador: Universidade de Milão
Tipo: Objeto de Aprendizagem Formato: 9567365 bytes; application/pdf
IT
Relevância na Pesquisa
27.37%

U.D. A - Diapositive - Il romanzo nel Medioevo 2011-2012

Tagliani, Roberto
Fonte: Universidade de Milão Publicador: Universidade de Milão
Tipo: Objeto de Aprendizagem Formato: 120874 bytes; application/pdf
IT
Relevância na Pesquisa
37.71%
Il file contiene le diapositive commentate a lezione relative al romanzo medievale, con particolare attenzione all'area oitanica.

L'ARTE DEL ROMANZO. TEMI LETTERARI NELLA PITTURA FRANCESE DEL SEICENTO (DAL REGNO DI ENRICO IV ALLA REGGENZA DI ANNA D'AUSTRIA); L'Art du Roman. Peintures à sujet littéraire en France au XVIIe siècle (du règne d'Henri IV à la régence d'Anne d'Autriche)

QUARANTA, GABRIELE
Fonte: La Sapienza Universidade de Roma Publicador: La Sapienza Universidade de Roma
Tipo: Tese de Doutorado
IT
Relevância na Pesquisa
37.71%
Questa tesi propone un’inchiesta sull’apparizione di un certo numero di decorazioni a tema letterario nelle dimore aristocratiche francesi nel corso del periodo che va dal regno di Enrico IV agli inizi della reggenza di Anna d’Austria, concentrandosi in particolare negli anni tra 1620 e 1640. La letteratura critica ha mostrato l’importanza di determinati temi tratti da opere letterarie nell’ambito delle committenze di Enrico IV e Maria de’ Medici: la Franciade, le Etiopiche, la Gerusalemme Liberata, il Pastor Fido. Si tratta, nella maggior parte dei casi, di soggetti che godranno in seguito di una fortuna particolare presso la nobiltà, sia quella più vicina alla corona che quella più lontana dalla corte. Nel corso degli stessi anni, con opere come L’Astrée o il Don Chisciotte e molte altre, il “romanzo” incominciava a imporsi come genere letterario autonomo, destinato a divenire un vero e proprio spazio di rappresentazione – e insieme anche di formazione e riflessione – della società e della cultura dell’Europa moderna. In effetti, anche gli eroi dell’Epica, che s’imponevano come protagonisti in pittura ma anche sulle scene teatrali, nei Ballets de Cour, nelle tragedie, nelle tragicommedie, venivano riletti e raffigurai in maniera sempre più esplicita in chiave “romanzesca”. Le arti figurative partecipavano dunque...

Dall'auto/biografia al documento. Strategie di costruzione del REALE nel graphic novel

GRECO, CRISTINA
Fonte: La Sapienza Universidade de Roma Publicador: La Sapienza Universidade de Roma
IT
Relevância na Pesquisa
17.71%
Il volume in oggetto si sviluppa intorno a un nucleo consistente dedicato allo studio di una forma di testualità emergente nel panorama editoriale contemporaneo, ovvero il graphic novel, con particolare riferimento a quella parte della produzione che si configura come spazio di incontro tra il romanzo grafico, il racconto (auto)biografico e diaristico, e il reportage giornalistico. Spesso queste storie sono il pretesto per raccontare vicende storiche e politiche, in cui le vicende individuali si articolano con le identità collettive, tema di grande interesse nella prospettiva degli studi attuali sulle culture. Emblematico, ad esempio, è il caso noto di Maus di Art Spiegelman, a metà strada tra biografia, autobiografia e memoria collettiva, tra racconto storico e racconto di finzione – oppure quello rappresentato da Logicomix, un’(auto)biografia a fumetti sulla vita di Bertrand Russell. Attraverso la definizione di un corpus rappresentativo, il libro si organizza intorno ad alcuni nodi tematici che emergono dall’analisi del materiale selezionato. In questa direzione, il lavoro procede verso un approfondimento della problematica della costruzione del reale e del credere vero, fino a giungere allo studio della relazione tra creazione artistica...

La letteratura postcoloniale italiana. Strategie di auto-rappresentazione in tre scrittrici africane-italiane.

DE VIVO, BARBARA
Fonte: La Sapienza Universidade de Roma Publicador: La Sapienza Universidade de Roma
Tipo: Tese de Doutorado
IT
Relevância na Pesquisa
18.06%
La ricerca svolta nella mia tesi di dottorato ha come obiettivo principale l'analisi di romanzi e racconti prodotti da tre scrittrici postcoloniali africane-italiane contemporanee – Gabriella Ghermandi, Ubax Cristina Ali Farah e Igiaba Scego - legate per storia personale alle ex-colonie italiane d'Eritrea, Etiopia e Somalia. Con la scelta di definire queste scrittrici postcoloniali intendo collocarle all'interno di quel movimento intellettuale – definito appunto postcoloniale – che, attraverso pratiche critiche estetiche e testuali, rilegge e riscrive la storia del passato coloniale dal punto di vista degli ex-colonizzati, e alla luce delle ricadute di tale passato nella contemporaneità. Il focus principale della ricerca si concentra sulle strategie di auto-rappresentazione messe in atto nei romanzi e nei racconti in esame. Questa tesi si colloca dal punto di vista disciplinare sui confini – di per sé porosi – tra gli studi postcoloniali, gli studi culturali e gli studi di genere. Per questa ragione in questo studio mi doto di strumenti teorici provenienti da disparati settori disciplinari: la critica letteraria, la sociologia della letteratura, gli studi storici sul colonialismo, l'antropologia, la sociologia, gli studi sulle migrazioni...

I manoscritti per la stesura di "La Storia" di Elsa Morante

ZANARDO, MONICA
Fonte: La Sapienza Universidade de Roma Publicador: La Sapienza Universidade de Roma
Tipo: Tese de Doutorado
IT
Relevância na Pesquisa
17.92%
La Tesi analizza il corpus manoscritto del romanzo "La Storia" (1974) di Elsa Morante attraverso gli strumenti della filologia d'autore. I manoscritti, conservati presso la Biblioteca Nazionale Centrale di Roma, forniscono preziose indicazioni di lettura grazie agli appunti e alle note che l'autrice deposita nelle sue carte, e che includono riferimenti bibliografici, precisazioni sulla caratterizzazione dei personaggi, indicazioni strutturali. L'analisi di espunzioni, varianti e incrementi testuali o tematici è ricca, inoltre, di ricadute critiche di rilievo per l'individuazione delle intenzioni comunicative del testo. Il corpus manoscritto include anche le carte di "Senza i conforti della religione", romanzo a lungo annunciato ma mai portato a compimento, della cui materia narrativa si nutre "La Storia". La disamina delle motivazioni legate al naufragio del precedente progetto narrativo e alla nuova fisionomia assunta dal romanzo del 1974 permette di sondare i nuclei tematici essenziali per l'autrice. Nella Tesi verranno presi in esame, infine, alcuni dei volumi utilizzati da Elsa Morante per la stesura del romanzo, conservati sempre alla Biblioteca Nazionale Centrale di Roma, e fitti di annotazioni, glosse e note di lettura che trovano un preciso riscontro nelle carte manoscritte: lo studio di questi volumi fornisce indicazioni sulle matrici filosofiche e letterarie del pensiero e della scrittura di Elsa Morante.

Tra esperienza linguistica e testimonianza poetica. Il romanzo lirico degli anni Venti del Novecento nelle letterature serba, croata e bosniaca

MUSIJA, SANELA
Fonte: La Sapienza Universidade de Roma Publicador: La Sapienza Universidade de Roma
Tipo: Tese de Doutorado
IT
Relevância na Pesquisa
38.06%
Dopo aver analizzato il rapporto tra forme narrative brevi e lunghe e tra queste e il lirico, ci si concentra sul romanzo lirico come fenomeno rilevante nelle letterature slave meridionali negli anni '20 del '900. Particolare attenzione è dedicata all'analisi dei primi romanzi di M. Crnjanski, R. Petrovic e H. Humo.

NATHALIE SARRAUTE: I "PERSONAGGI" FEMMINILI. Dal Neutro alla Differenziazione

IAQUINTA, TERESA MANUELA
Fonte: La Sapienza Universidade de Roma Publicador: La Sapienza Universidade de Roma
Tipo: Tese de Doutorado
IT
Relevância na Pesquisa
17.71%
Se la Sarraute ammette nell’opera solo dei «rares cas où la femme joue un rôle de femme» il numero cospicuo di presenze femminili, oltre ad indurre alcune riflessioni, suscita inevitabilmente una qualche interrogazione. A titolo di esempio basti ricordare Tropismes. Sul numero complessivo di ventiquattro tropismi, quattordici sono dedicati a delle “Elles”, in quattro delle “Elles” sono citate e soltanto nei rimanenti sei non ne compare nessuna. Pur essendo all’insegna dell’anonimato Tropismes appare immerso, e non solo da un punto di vista quantitativo, nell’universo femminile di cui regala diversi scorci alternando micro scenette di quotidianità a profili appena tracciati ma comunque riconducibili a categorie ben precise. Si va dalla «femme-ménagère», alla «intellectuelle rapace» , dalla «femme seule et insatisfaite» a colei che lavora a maglia: «[…] “C’est servi, c’est servi”, disait-elle. Elle rassemblait à table la famille, chacun caché dans son antre, solitaire, hargneux, épuisé. “Mais qu’ont-ils donc pour avoir l’air toujours vannés?” disait-elle quand elle parlait à la cuisinière.» «Et elle restait sans bouger sur le bord du lit, occupant le plus petit espace possible...

Discorso metaletterario e immaginario antagonista nell'opera narrativa di Georges Darien

Antoci, Rosario
Fonte: La Sapienza Universidade de Roma Publicador: La Sapienza Universidade de Roma
Tipo: Tese de Doutorado
IT
Relevância na Pesquisa
28.53%
INTRODUZIONE - Georges Darien racconta le condizioni dell’individuo nella Francia della Terza Repubblica illustrando i rapporti che costituiscono il quadro sociale come una somma di ingerenze oppressive. Nell’opera narrativa di cui il presente lavoro di ricerca propone una lettura monografica, la classe borghese, responsabile della gestione del potere politico, è raffigurata attraverso l’espansione di un punto di vista polemico a cui l’autore conferisce il ruolo di scoprire e comprendere i meccanismi di prevaricazione celati dall’immagine condivisa dei valori civili. Darien racconta la società borghese della sua epoca nei termini esasperati di un ambiente non progredito, nonostante l’avanzamento della scoperta scientifica. Le forme della democrazia e delle articolazioni del sapere note all’autore manifestano comunemente una insufficienza per il naturale sviluppo dell’uomo sia nel versante individuale, sia nella vita collettiva. La società democratica illustrata da Darien non ha nulla di comunitario, se non l’apparenza ipocrita della filantropia e della diffusione di un socialismo che in realtà non è mai attualizzato. Nei romanzi del corpus che assumeremo come oggetto di indagine, le forze politiche repubblicane...

Rilettura della storia e attivismo politico nei romanzi dei Wu Ming

Clivio, Claudio
Fonte: Université de Montréal Publicador: Université de Montréal
Tipo: Thèse ou Mémoire numérique / Electronic Thesis or Dissertation
IT
Relevância na Pesquisa
17.37%
Ma thèse propose une analyse attentive de la ré-écriture de l'histoire articulée dans trois romans du collectif d'écrivains italiens publiant sous le pseudonyme Wu Ming: "Q", "54" et "Manituana". Partant du pamphlet publié par les Wu Ming en 2008 sur leur conception du roman historique et de l’écriture romanesque en général, the New Italian Epic (NIE), je propose deux angles d’approche pour mettre en évidence la relecture de l’histoire se dessinant dans les romans cités ci-dessus: la notion du regard oblique (qui est mentionnée dans le NIE); et le concept de multitude. La technique du regard oblique implique une réflexivité de la narration, une mise en abîme du processus narratif qui est effectuéé par le biais d’un point de vue insolite. Ce dernier peut provenir d'un animal, d’un objet animé, ou même d’un objet mystérieux comme le flux immatériel. Cette technique a déjà des précédents littéraires dans l’oeuvre d’écrivains tels que Italo Calvino ou Thomas Pynchon, mais dans la nouvelle forme qu’elle acquiert dans les textes des Wu Ming, elle permet l’articulation d’une relecture transversale de l’histoire. Cette relecture transversale émergeant dans les romans des Wu Ming est analysée dans la première partie de la thèse. La conceptualisation du regard oblique que je développe dans cette partie se base sur la théorie de l'anamorphose de Jacques Lacan...

Sperimentazioni grafiche, pratica di lettura e forme narrative nelle prime edizioni dei romanzi inglesi del XVIII secolo. Recensione de L'invenzione del romanzo di Rosamaria Loretelli

Coratelli, Giorgio
Fonte: Asociaci??n Cultural Impossibilia Publicador: Asociaci??n Cultural Impossibilia
Tipo: Artigo de Revista Científica
ITA
Relevância na Pesquisa
27.71%
Ilustraci??n: "Habitaci??n"; Nella recensione che segue prender?? in considerazione il paragrafo intitolato Temporalit?? e ornamenti grafici del IV capitolo, Il romanzo inventato (Loretelli, 2010: 147-158). L???autrice, movendo dalla storia del libro, analizza le sperimentazioni grafiche delle prime edizioni di alcuni romanzi inglesi della prima met?? del XVIII secolo. In questa breve fase, le sperimentazioni sul supporto materiale del testo sono strettamente collegate con le innovazioni delle forme narrative e con i cambiamenti della pratica della lettura. Si tratta di un momento molto importante nella storia dell???invenzione del romanzo e del passaggio dalla lettura ad alta voce alla lettura silenziosa. Cercher?? di mostrare come queste linee di ricerca (storia del libro, storia della lettura, storia delle forme narrative) possano confluire in una storia della comunicazione narrativa, il cui oggetto di studio ?? il testo nel suo modo di produzione materiale, ovvero insieme al supporto quale sua condizione di esistenza materiale.

La Storia della letteratura italiana come romanzo

Ceserani, Remo
Fonte: Universidade Autônoma de Barcelona Publicador: Universidade Autônoma de Barcelona
Tipo: Artigo de Revista Científica Formato: application/pdf
Publicado em //2011 ITA
Relevância na Pesquisa
38.17%
La Storia della letteratura italiana di Francesco De Sanctis viene letta in questa relazione come un romanzo, forse il romanzo di maggior successo dell’Ottocento italiano, dopo I promessi sposi di Alessandro Manzoni. Nell’interpretazione di Ceserani la struttura del libro è basata su tre tipi molto popolari di narrazione praticati in quel secolo: 1) il romanzo storico, in cui realtà e invenzione sono mescolate e scene di movimento di grandi masse si alternano con scene in cui singoli grandi eroi (Dante, Machiavelli) sono celebrati e rappre­sentati nella loro monumentalità: 2) il romanzo di educazione o Bildungsroman, nel quale tuttavia il protagonista non è un singolo personaggio, che costruisce la sua individualità dalla giovinezza alla maturità, ma è, invece, un intero popolo, che passa attraverso fasi suc­cessive: una fase creativa e spontanea nel Trecento, una fase di decadenza nel Cinquecento e Seicento, una nuova partenza e un vero rinascimento nell’età moderna; 3) il dramma borghese e l’opera in musica, con il loro gusto per i contrasti dialettici e i forti conflitti.; Francesco De Sanctis’ History of Italian Literature is read in this paper as a novel, proba­bly the most successful novel of the Italian Nineteenth-Century after The betrothed by Alessandro Manzoni. According to Ceserani’s interpretation...

UNA IMPOSTAZIONE DELL'OPERA DI ELSA MORANTE

Massi Albanese, Carolina; UFPR
Fonte: UFPR Publicador: UFPR
Tipo: info:eu-repo/semantics/article; info:eu-repo/semantics/publishedVersion; Artigo Avaliado pelos Pares Formato: application/pdf
Publicado em 13/10/2010 POR
Relevância na Pesquisa
17.71%
Il presente studio abbraccia tutta l'opera di Elsa Moranteincludendo il romanzo Aracceli pubblicato da pochi "mesi. Sono messi in rilievo i nuclei caratterizzanti dell'opera morantiana: la collocazione dell'uomo in una dimensione condizionante, la sensazione del mistero della vita e del nostro inutile interrogarla, il conseguente disorientamento angoscioso dell'uomo e la dilatazione fiabesca.Nelle prime opere la narrativa si produce in una sperequazione tra stupefatto  irismo consonante con un'atmosfera surreale, ma questa reinvenzione della realtà scaturisce da una lucida lettura "a rovescio" della realtà le cuiimmagini sono voluntamente distorte. A partire da II mondosalvato dai ragazzini, le illusioni e le visioni de L'isola diArturo, così come la "menzogna" e il "sortilegio" del romanzoomonimo, sono sostituiti dalla rivelazione impietosa del mondo: è smantellato il "grande carnevale" della storia.Tuttavia, se nel penultimo romanzo: La Storia, gli anticonformisti e gli umili, quasi relitti di naufragio, ci insegnano a riconoscere la verità e la bontà della natura, nella recente produzione: Aracoeli non si ammette più nulla. Il romanzo si riduce ad essere un monologo sregolato.

The narrative labyrinths of Italo Calvino and Umberto Eco: encyclopedia, "total novel" and the cosmic vocation of literature; Nei labirinti narrativi di Calvino e Eco: enciclopedia, “romanzo totale” e vocazione cosmica della letteratura

Vinci, Maria Gloria; Universidade de São Paulo
Fonte: Universidade Federal de Santa Catarina Publicador: Universidade Federal de Santa Catarina
Tipo: info:eu-repo/semantics/article; info:eu-repo/semantics/publishedVersion; ; Formato: application/pdf
Publicado em 12/02/2015 POR
Relevância na Pesquisa
37.92%
Ropewalking in dialectical tension between order and chaos, cosmos and fragment, opening and closing, code searching and deconstructive abandonment, both Italo Calvino and Umberto Eco recognize the creative and gnoseological potential of literature, its ability to open itself directly to the multi-faceted variations of the world, to record and give an interpretation to the kaleidoscopic character of man's experience and languages. If literature aims at mapping the intricate maze of the modern world and being the mimesis of its complexity and cultural totality, it has, both for Calvino and Eco, a cosmic vocation.In tracing the lines of a universal literature with a cosmological vocation, both authors think that the ménage à trois of literature with science and philosophy may take a new observation strategy, a completely changed look on things and on the world. In this sense, they are linked to the tradition of the modern novel that, from the beginning, has an inborn encyclopedic vocation, seeing the novel itself as a total work. It is a daring, unrealistic attempt at writing the absolute book, the chimera of a book to end all books, rhizomatic encyclopedia and network of connections at the same time, endless clavis universalis which...

Una rilettura della ‘Fedra’ Dannunziana: L’incomprensione dell’eroe nella tragedia della passione

Favaro, Angelo; Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”
Fonte: Editora da UFSC Publicador: Editora da UFSC
Tipo: info:eu-repo/semantics/article; info:eu-repo/semantics/publishedVersion; ; Formato: application/pdf; application/pdf
Publicado em 09/04/2012 POR
Relevância na Pesquisa
27.37%
http://dx.doi.org/10.5007/2175-7992.2009n36p28L’articolo vuole riproporre una rilettura appassionata della tragedia di Gabriele D’Annunzio Fedra, a cento anni dalla pubblicazione e dalla messa in scena. La chiave interpretativa del presente saggio è connessa con tre elementi significativi: 1. la tragedia di Fedra si deve collocare in un momento significativo dell'esperienza biografica, sentimentale e di scrittura di D'Annunzio, e sempre in relazione ad altre sue opere coeve; 2. la cimposizione e la messa in scena della tragedia, l'unia che il poeta scrive integralmente in versi endecasillabi sciolti, si inseriscono nel panorama teatrale europeo ed italiano; 3 l’opera si dimostra come un compiuto esempio concreto sia delle formulazioni di estetica e prassi teatrali che D’annunzio va elaborando, con l’ausilio di Eleonora Duse in quegli anni, e che si ritroveranno non solo ben spiegati in alcuni interventi critici e giornalistici, ma anche nel romanzo Il Fuoco; sia come alta produzione poetica e letteraria fra Ottocento e Novecento.