Página 1 dos resultados de 3 itens digitais encontrados em 0.004 segundos

La cultura fra alterità e complessità. La lezione di Jurij M. Lotman

GHERLONE, LAURA
Fonte: La Sapienza Universidade de Roma Publicador: La Sapienza Universidade de Roma
IT
Relevância na Pesquisa
16.47%
Pensatore di punta della Scuola semiotica di Mosca-Tartu, Jurij M. Lotman (1922-1993) può essere considerato il padre teorico della cosiddetta semiotica della cultura – prospettiva euristica che si identifica talvolta con la culturologia sovietica (kulturologija/Культурология) –. Grazie ai suoi studi sul mondo russo (dalla letteratura al cinema, dalla teoria sociale e comunicazionale alla storia del comportamento quotidiano o byt/быть), Lotman ha “accompagnato” l’universo culturale a lui contemporaneo nella transizione dal sovietismo al post. Gli scritti lotmaniani, stesi in pieno disgelo ideologico, sono una realtà particolarmente originale nel panorama umanistico sovietico per almeno tre motivi: 1) si radicano profondamente nella tradizione russa e, per questo, si configurano come una cultura liminale; 2) si aprono all’Europa, facendo penetrare il pensiero filosofico occidentale nelle pieghe di quello russo-orientale; 3) si presentano come una “strategia” scientifico-culturale silenziosamente sovversiva, in grado di portare alla luce – attraverso l’apparato concettuale della scienza semiotica – le possibili vie della ricostruzione postsovietica: una ricostruzione che, secondo Lotman, deve passare per la riscoperta dell’integralità del sapere umano. La tesi di dottorato mira alla ricostruzione dell’opera di Lotman...

Le strutture cognitive della comunicazione politica; Il caso dell’elezioni politiche del 24-25 Febbraio 2013

DI PIETRO, STEFANO
Fonte: La Sapienza Universidade de Roma Publicador: La Sapienza Universidade de Roma
Tipo: Tese de Doutorado
IT
Relevância na Pesquisa
26.47%
I linguaggi politici nella modernità hanno subito, ancor più fortemente di altri, l’emergere della dimensione multimediale frutto dello sviluppo tecnologico. Il codice propriamente verbale-linguistico riveste ormai solo una parte del nucleo significativo dell’accadere politico. La comunicazione politica, ora deve comprendere qualsiasi evento in grado di essere trasmesso e quindi guardato da un soggetto/elettore. Servono dunque strumenti concettuali diversi. Proprio perché la comunicazione politica comprende ogni “manifestazione ostensiva”, essa deve comprendere una visione dell’uomo e del suo stare al mondo moderna e coerente che ci permetta di capire il più possibile le dinamiche attraverso cui l’uomo dà senso e significato a un messaggio, non in quanto enunciato linguistico ma in quanto “segno”, qualsiasi sia la sua dimensione contestuale. Il progetto di ricerca consiste in tre parti principali. Nella prima si analizza il paradigma della mente descritto dalle scienze cognitive di recente formazione creando le basi per l’analisi dei fenomeni appartenenti a ciò che oggi è da ritenersi comunicazione politica operando una integrazione tra approcci diversi in una prospettiva integrata. Nella seconda parte si svolge un’analisi estensiva delle elezioni politiche del 2012-2013 mettendo in luce le strutture ricorrenti che rappresentano una particolare identità soprattutto analizzando l’uso dell’immagine e di un linguaggio sincretico di tipo metaforico che ben si applica ai mezzi di comunicazione più moderni che in tempi recenti rivestono un’importanza sempre maggiore. Nella terza parte si traggono le conclusioni mostrando i risultati dell’analisi svolta e proponendo futuri sviluppi nel campo di ricerca in oggetto.; Sapienza University of Rome; George Lakoff at University of California...

Metafore della politica

RIGOTTI, Francesca
Fonte: Bologna, Mulino Publicador: Bologna, Mulino
Tipo: Livro
IT
Relevância na Pesquisa
16.47%
(Published version of EUI PhD thesis, 1984.); I tardi anni '70 e i primi anni '80 sono stati gli anni della «metaforomania». Adesso che, bene o male, è stato raggiunto uno statuto epistemologico comune, che alle metafore sono state riconosciute teoricamente condizioni di possibilità, legittimità e apporto cognitivo e che l'ondata 'delle pubblicazioni sulla metafora tende lentamente a rifluire mentre il fervore delle passioni accenna a intiepidirsi, è ora di chiedersi più concretamente quali siano e come Si configurino le metafore della nostra tradizione e se sia possibile tradurle in azione Su questi temi l'autrice conduce da tempo le sue ricerche di metaforologia pura e applicata, una parte delle quali viene qui pubblicata in volume. A una parte teorica dedicata alla conoscenza metaforica in generale e al peso delle metafore del discorso polito in particolare, viste nei loro rapporti con l'immaginario, con la scienza e con l'utopia, segue una parte espositiva ove si analizzano in maniera storico concettuale alcuni dei tanti campi metaforici della tradizione occidentale. Il primo, quelOella nave dello stato, è uno dei 'topoi' classici della politica: dall'antichità ai nostri giorni l'immagine dell'imbarcazione circondata dai flutti viene chiamata a evocare una situazione di isolamento che spinge alla solidarietà e insieme uno stato di necessità che richiede la presenza al timone di una mano ferma ed esperta. Le metafore organiciste e meccaniciste...