Página 1 dos resultados de 40 itens digitais encontrados em 0.014 segundos

Trabalho autônomo dependente: experiências italiana e espanhola e a realidade brasileira; Lavoro autonomo dipendente: esperienze italiana e spagnola e la realtà brasiliana

Bulgueroni, Renata Orsi
Fonte: Biblioteca Digitais de Teses e Dissertações da USP Publicador: Biblioteca Digitais de Teses e Dissertações da USP
Tipo: Dissertação de Mestrado Formato: application/pdf
Publicado em 31/05/2011 PT
Relevância na Pesquisa
56.69%
As alterações sofridas pelo mercado de trabalho, especialmente a partir da segunda metade do século XX, determinaram o surgimento de nova forma de prestação de serviços: o trabalho autônomo dependente (ou parassubordinado). Referida espécie de relação laboral é marcada pela coordenação, habitualidade e prevalente pessoalidade do prestador de serviços, além da dependência em relação ao tomador (a qual justifica a extensão de tutelas tipicamente trabalhistas ao trabalhador). A primeira menção ao instituto ocorre na Itália onde, inicialmente, é positivada a figura das co.co.co. (collaborazioni coordinate e continuative), e, posteriormente, em 2003, do lavoro a progetto. Após a positivação pela legislação italiana, o trabalho autônomo dependente passou a ser reconhecido em outros Estados europeus entre os quais se destaca a Espanha, que procurou aprimorar a experiência italiana ao estabelecer elementos objetivos para a caracterização do TRADE (trabajador autónomo económicamente dependiente). O trabalho autônomo dependente também foi contemplado, entre outros Estados, em Portugal (trabalho autônomo dependente), na Alemanha (arbeitnemeränliche Person), na França (travailleur économiquement dépendant) e na Inglaterra (worker ou dependent self employed). A partir de tais experiências...

O dever de divulgar fato relevante na companhia aberta; Il dovere di divulgare fatto rilevante in la società quotata.

Mota, Fernando de Andrade
Fonte: Biblioteca Digitais de Teses e Dissertações da USP Publicador: Biblioteca Digitais de Teses e Dissertações da USP
Tipo: Dissertação de Mestrado Formato: application/pdf
Publicado em 03/12/2013 PT
Relevância na Pesquisa
26.8%
O objetivo da dissertação é examinar o dever de divulgar fato relevante imposto aos administradores de companhia aberta pela Lei nº 6.404/76. Para tanto, na primeira parte do trabalho analisa-se, sob uma perspectiva ampla, o dever de informar na sociedade anônima e no mercado de capitais, abrangendo os fundamentos para a imposição de tais deveres, sua relação com as regras disciplinadoras da informação nas sociedades anônimas em geral e com as aplicáveis às companhias abertas em particular, bem como a estrutura da disciplina legal, regulamentar e autorregulamentar. A segunda parte do trabalho destina-se a investigar o conceito de fato relevante, definido pela lei como aquele que possa influir, de modo ponderável, na decisão dos investidores do mercado de vender ou comprar valores mobiliários emitidos pela companhia. As origens do conceito são identificadas no direito norte-americano, que inspirou também o seu tratamento na legislação comunitária europeia e em outros países. O conceito na legislação brasileira é analisado a partir de seus elementos constitutivos: o investidor de mercado (e quais pessoas devem ser consideradas como tal), a influência ponderável sobre a decisão de investimento (especialmente se a influência é apenas potencial ou deve ser efetiva) e a noção de ato ou fato ocorridos nos negócios da companhia (e de que modo o conceito exclui atos que...

LA CONTRAZIONE DEL CREDITO DURANTE LA CRISI FINANZIARIA: CREDIT CRUNCH O CREDIT SELECTION? UNA DISAMINA SULL’ANDAMENTO DEL CREDITO BANCARIO ITALIANO TRA FRAMEWORK NORMATIVO E CRISI FINANZIARIA.

LEO, SABRINA
Fonte: La Sapienza Universidade de Roma Publicador: La Sapienza Universidade de Roma
Tipo: Tese de Doutorado
IT
Relevância na Pesquisa
36.27%
Obiettivo del presente lavoro è quello di valutare la rilevanza delle determinanti di restrizione intervenute dal lato dell’offerta di credito al fine di verificare quali siano i maggiori fattori che ne hanno causato la restrizione. Nello specifico, la research question, una volta definita la tipologia di contrazione manifestatasi (credit crunch o credit selection), tenta di dare una risposta circa la rilevanza dei fattori di restrizione intervenuti dal lato dell’offerta di credito, nonché l’efficacia/efficienza delle scelte effettuate dagli intermediari bancari. Nel confronto con le altre realtà europee ed internazionali, l’industria finanziaria nazionale si è dimostrata maggiormente resistente rispetto ai contraccolpi provenienti dalla crisi finanziaria: il XV Rapporto della Fondazione Rosselli (2010) attribuisce tale “successo” alla combinazione di due fattori fortemente presenti nel sistema bancario domestico, vale a dire la flessibilità delle tecnologie di credito e la diversità delle imprese bancarie. Ciò non toglie, però, il verificarsi di fenomeni di contrazione creditizia, seppur fisiologica, in seguito a periodi di espansione della politica creditizia e/o conseguentemente a periodi di forte tensione economica e finanziaria: la flessione del credito...

Alla ricerca del consenso: Il "mercato elettorale" visto dai parlamentari italiani

LEGNANTE, Guido
Fonte: FrancoAngeli Publicador: FrancoAngeli
Tipo: Livro
IT
Relevância na Pesquisa
26.67%
(Published version of EUI PhD thesis, 2002.); Drawing on international relations theory, law and historical analysis, this book compares European integration with the antebellum USA to assess what makes the EU viable despite contestation over the rules of the game of integration. It reveals that changing the system of representation is no shortcut solution for the EU's constitutional woes. This book presents a comprehensive analysis of the regulation of cross-border insolvencies in Europe. Council Regulation 1346/2000 on Insolvency Proceedings forms the natural focal point of such a study. However, while this book explores in detail the background, legal basis as well as the substance of the Regulation, it also contains an examination of the Regulation from two wider perspectives: that of international cross-border insolvency regulation and Community law. The approach adopted by the Regulation to the problems raised by cross-border insolvency forms part of a paradigmatic shift at the global level. The ‘struggle over jurisdiction’ - the natural state of affairs under the old principles of ‘universality & territoriality’ – is increasingly being replaced by co-operation between the jurisdictions involved. The Regulation must be understood against the backdrop of these new cooperative approaches...

Di bianco lin candida prole: La manifattura della carta in eta moderna e il caso toscano

SABBATINI, Renzo
Fonte: Milano, FrancoAngeli Publicador: Milano, FrancoAngeli
Tipo: Livro
IT
Relevância na Pesquisa
26.71%
(Published version of EUI PhD thesis, 1988.); Frutto di un'ampia ricerca che ha sperimentato differenti e non sempre consueti approcci metodologici, il saggio tenta un'analisi unitaria e di lungo periodo di un campo finora trascurato dalla storiografia, quello della produzione della carta in età moderna. Ne emerge un quadro inedito, in cui vecchi temi vengono rivisitati e reimpostati, e nuove problematiche si impongono all'attenzione, La discussione delle forme organizzativi (artigianale, manifatturiera, industriale), delle caratteristiche, dei tempi e dei modi della transizione introduce l'analisi delle attrezzature, dei cicli produttivi, della divisione del lavoro e dei rapporti di produzione. Con tali aspetti si intrecciano quelli delle modalità ed influenze dell'intervento pubblico, e la serrata dialettica tra innovazione tecnologica, qualità del prodotto e collocazione sul mercato internazionale. Il saggio pone in evidenza come le soluzioni date di volta in volta a tutte queste variabili siano il risultato di complesse lotte sociali, e condizionino i comportamenti delle famiglie dei cartai e la foro collocazione nella comunità. All'interno di queste coordinate acquista valore esemplare la puntuale ricostruzione del caso toscano...

Alla ricerca del consenso : il mercato elettorale visto dai parlamentari italiani

LEGNANTE, Guido
Fonte: Instituto Universitário Europeu Publicador: Instituto Universitário Europeu
Tipo: Tese de Doutorado Formato: Paper
IT
Relevância na Pesquisa
26.66%
Defence date: 20 December 2002; Examining board: Prof. Stefano Bartolini (EUI - supervisor) ; Prof. Giacomo Sani (Università di Pavia - co-supervisor) ; Prof. Gianfranco Poggi (EUI) ; Prof. Julian Santamaria (Universidad Complutense de Madrid); Questa tesi, che si colloca all'interno del filone di studi sul voto, costituisce il primo lavoro sistematico che cerca di rispondere all'interrogativo "che idea hanno i politici degli elettori e del mercato elettorale?". Mentre si sa molto su che cosa i cittadini pensano dei politici, dei partiti e del voto, più raramente ci si è interrogati su che cosa i politici pensano degli elettori, una tematica interessante per almeno due ragioni. La prima è che i politici sono certamente attenti (e preoccupati?) a quanto avviene nel mercato elettorale: l'autonomia delle forze sociali, la "nuova politica", il calo della partecipazione, l'incremento della mobilità elettorale, il successo dei "partiti anti-partito", la rilevanza dei mass media e della personalizzazione della politica, e così via. La seconda è che, soprattutto nei periodi di cambiamento politico-elettorale come nell'Italia dell'ultimo decennio, le percezioni degli attori hanno un ruolo rilevante nell'orientarne le scelte. Dopo avere discusso gli studi più recenti sull'evoluzione delle democrazie contemporanee e dei principali attori del mercato elettorale (partiti ed elettori)...

Alcune considerazioni sull'economia del petrolio

CRENCA, FRANCESCO
Fonte: La Sapienza Universidade de Roma Publicador: La Sapienza Universidade de Roma
Tipo: Tese de Doutorado
IT
Relevância na Pesquisa
36.4%
Il petrolio sembra spingere i Paesi dominanti, che rifiutano di cambiare il loro stile di vita, a condurre guerre di conquista, con il solo obiettivo di assicurarsi la disponibilità di questa risorsa a prezzi accettabili e la guerra in Iraq ne è un esempio. Infatti, è proprio in Iraq che oggi sono localizzate la maggiori risorse mondiali di petrolio; qui il greggio è facilmente accessibile e di ottima qualità. Con il pretesto della questione nucleare o del finanziamento del terrorismo, altri Paesi, come l’Iran e L’Arabia Saudita, potrebbero subire la stessa sorte dell’Iraq. Con questo lavoro ho voluto fare un percorso storico/politico/economico su un argomento complesso come il petrolio. Tante previsioni e teorie in merito, nonostante la certezza che il greggio sia destinato all’esaurimento, non risolvono il problema contingente. L’Italia non è un produttore di petrolio, soltanto in Lucania se ne produce un po’, tuttavia il nostro Paese riesce, con le sue capacità professionali, ad essere leader nel mondo in un settore con una concorrenza elevatissima e questo grazie all’Eni, che è il nostro fiore all’occhiello in questo campo.

Giovani migranti alla prova. Biografie in costruzione

DELLO RUSSO, MARINA
Fonte: La Sapienza Universidade de Roma Publicador: La Sapienza Universidade de Roma
Tipo: Tese de Doutorado
IT
Relevância na Pesquisa
37.02%
Il lavoro di ricerca condotto è centrato sull’analisi dell’esperienza sociale (Dubet, 1994, 2002; Jedlowski, 2010, 2005) dei giovani immigrati di seconda generazione o di generazione 1.5. L’orientamento scelto è quello di interpretare nella contemporaneità, alla luce del declino delle istituzioni dello Stato-nazione e dell’affermarsi potente della logica di mercato, la differenza culturale e, in particolare, come questa sia sperimentata quotidianamente dai giovani migranti, dal momento che l’immigrazione rivela in modo netto le trasformazioni di un meccanismo di integrazione sociale e di una narrazione che è stata idealizzata (Dubet, 2009). Sono questi giovani, infatti, che a causa del ritrarsi dello Stato sociale e quindi del minore investimento nell’educazione formale e nei processi socializzativi, uniti all’incapacità di sviluppare un’integrazione fra competenze e mercato del lavoro, si presentano come identità a rischio. Identità cioè, che trovandosi dislocate sia rispetto al mondo globalizzato, sia rispetto allo Stato, possono trovarsi in bilico tra il ripiegamento comunitario e la perdita dell’esperienza di sé intesa come sradicamento e sottomissione al dominio del mercato. L’obiettivo della ricerca è quello di cogliere la tensione che ciascun attore sperimenta nel tenere insieme il bisogno di sentirsi parte di una collettività (e quindi di rispondere alle pressioni sociali) con le produzione di sé in quanto soggetto. La prospettiva adottata è quella dell’attore sociale e del Soggetto sui quali si concentra la riflessione teorica di Alain Touraine e del Cadis (Centre d’Analyse et d’Intervention Sociologiques)...

Il libro spagnolo a Roma nel XVI secolo

MARINI, MASSIMO
Fonte: La Sapienza Universidade de Roma Publicador: La Sapienza Universidade de Roma
Tipo: Tese de Doutorado
IT
Relevância na Pesquisa
36.44%
Nell'ambito degli studi sui rapporti tra Spagna e Italia, la presente tesi si occupa della presenza spagnola a Roma nel Cinquecento per quanto riguarda la storia del libro a stampa. Le ragioni della fortuna del libro spagnolo nella città eterna dipendono in larga parte dal ruolo svolto dalla Santa Sede come polo di attrazione per diplomatici e dignitari di corte. Ciò fa di Roma la residenza di una nutrita e consolidata enclave ispanica composta da religiosi e laici, costituente per estrazione sociale e per interessi culturali un pubblico privilegiato di lettori ed acquirenti, e al contempo di promotori in prima persona di iniziative editoriali. Un primo passo della ricerca ha riguardato la documentazione storica, per la ricostruzione dell’ambiente entro il quale si sono mosse le figure chiave per la diffusione del libro spagnolo a Roma. Storia e storia del libro hanno fin dall’inizio intrecciato i loro fili, rivelando trame ed interconnessioni, influenze e sviluppi paralleli. Fondamentali si sono rivelate le ricerche affini a quella qui condotta: dai lavori storiografici dell’Associazione Roma nel Rinascimento, confluiti nelle numerose pubblicazioni dell’omonima casa editrice a quelli di Maria Antonietta Visceglia sulle presenze spagnole a Roma...

Analisi delle politiche e degli strumenti economici di tutela ambientale: implicazioni tecniche e finanziarie.

CIASULLO, RAFFAELE
Fonte: La Sapienza Universidade de Roma Publicador: La Sapienza Universidade de Roma
Tipo: Tese de Doutorado
IT
Relevância na Pesquisa
26.98%
Il presente lavoro si sviluppa sulla base della ricerca scientifica, condotta nelle attività di dottorato per il settore disciplinare delle scienze merceologiche. L’obiettivo del progetto di ricerca fa riferimento all’ analisi critica e scientifica degli strumenti normativi utilizzati nelle politiche di management ambientale. In questo studio le politiche di management ambientale sono l’espressione normativa di due grandi problemi, quali l’emissione in atmosfera dei gas inquinanti, chiamati (no-GHG) e i gas ad effetto serra, chiamati gas (GHG – GreenHouse Gases ). Gli effetti negativi provocati dai GHG e no-GHG, permettono di definire i comportamenti degli agenti economici (industrie) che sono spesso all’origine dei problemi ambientali. Non è facile stimare esattamente l’entità dei danni causati dall’inquinamento atmosferico sulla salute umana e all’ambiente. Dai risultati del progetto Aphekom (http://www.aphekom.org/web/aphekom.org/home), co-finanziato dalla Commissione Europea, è possibile stimare in Europa una riduzione dell’aspettativa di vita pari a circa 8.6 mesi per singolo individuo (EEA, 2013b). Alcuni modelli economici utilizzati per stimare in termini monetari i danni dell’inquinamento ambientale...

Profili di regolazione e di rilevanza antitrust del trasporto ferroviario passeggeri

IENCA, FRANCESCA
Fonte: La Sapienza Universidade de Roma Publicador: La Sapienza Universidade de Roma
Tipo: Tese de Doutorado
IT
Relevância na Pesquisa
37.16%
Nel corso degli ultimi venti anni, il settore ferroviario è stato interessato, su scala europea, da processi di ristrutturazione particolarmente incisivi, orientati alla progressiva liberalizzazione dei servizi di trasporto ferroviario. L’esigenza della creazione di un mercato unico europeo del trasporto ferroviario, improntato ai principi del libero mercato, ha condotto alla elaborazione di una cornice normativa articolata e tendenzialmente completa, che ha fornito agli Stati membri i principali strumenti per la ridefinizione della nomenclatura dei settori nazionali, a partire dall’abolizione degli assetti monopolistici sino a quel momento conosciuti. In tale contesto, si colloca l’esperienza italiana, che dall’ordinamento comunitario ha tratto i principi e le linee guida per la predisposizione delle regole che presiedono ai meccanismi di apertura del mercato nazionale del trasporto passeggeri. Il presente lavoro si propone, muovendo dall’analisi del progetto di riforma europeo, di analizzare il settore del trasporto ferroviario, con particolare riguardo al trasporto dei passeggeri, all’esito del processo di liberalizzazione nazionale, valutandone in particolare i profili regolatori e le criticità antitrust, nel tentativo di formulare...

La condizione sociale del lavoro nell'era della flessibilità

ELIA, MARCO
Fonte: La Sapienza Universidade de Roma Publicador: La Sapienza Universidade de Roma
Tipo: Tese de Doutorado
IT
Relevância na Pesquisa
87.09%
E’ noto come la flessibilità del lavoro, nel cosiddetto “ambito europeo”, sia avvertita ormai da tempo come una assoluta necessità. A conferma di quanto detto è sufficiente osservare la direzione seguita dalle riforme del mercato del lavoro che in tutti i singoli contesti nazionali si sono succedute negli ultimi due decenni: tutte, senza eccezioni, vanno nella direzione della flessibilizzazione dei mercati del lavoro. All’interno di questo quadro, le domande di ricerca a cui si tenta di dare risposta sono le seguenti: come vanno interpretate, dal punto di vista del lavoro dipendente, le concrete espressioni della flessibilità? Che tipo di conseguenze hanno le stesse sul benessere sociale sperimentato dai lavoratori e lavoratrici interessati dal fenomeno? Come va interpretata, più in generale, la flessibilità nell’ottica dell’analisi dell’evoluzione storica della condizione sociale del lavoro dipendente? La trattazione si apre nel primo capitolo con un inquadramento concettuale della flessibilità. Al centro dell’analisi vi saranno il carattere multidimensionale del fenomeno e la sua natura innovativa ed atipica nei confronti del cosiddetto lavoro standard. Dopo avere inquadrato concettualmente la flessibilità...

O Direito à profissionalização do jovem brasileiro

Castagna, Mariane Pires
Fonte: Florianópolis, SC Publicador: Florianópolis, SC
Tipo: Dissertação de Mestrado
POR
Relevância na Pesquisa
36.68%
Dissertação (mestrado) - Universidade Federal de Santa Catarina, Centro de Ciências Jurídicas, Programa de Pós-Graduação em Direito, Florianópolis, 2011; O presente trabalho tem como objetivo precípuo analisar se o Direito à Profissionalização, consagrado na Constituição Federal de 1988, é capaz de auxiliar o imenso contingente de jovens que tentam ingressar no mercado de trabalho. A pesquisa buscou demonstrar que tal direito só será um auxílio eficaz se possuir, assim como os outros Direitos da Juventude, um vetor que dê sentido e sistematização à legislação e políticas publicas dirigidas aos jovens. E o sentido há de ser algo forte e sedimentado o princípio da dignidade da pessoa humana, que é valor e princípio fundamental de todo ordenamento jurídico e que deve orientar os incipientes direitos dos jovens, em especial o da profissionalização. Para tanto, no primeiro capítulo trabalha-se com a teoria de base escolhida, a dignidade da pessoa humana, sendo apresentado, breve panorama histórico, para se analisar em seguida alguns aspectos da dimensão jurídica da dignidade no mundo e no Brasil. Ainda neste capítulo, é apresentada a variável principal: o Direito à Profissionalização, demonstrando-se onde este direito aparece nos planos internacional e nacional. É realizado ainda um breve panorama histórico sobre a educação profissional e o trabalho. No segundo capítulo...

O assédio moral no cenário trabalhista contemporâneo: análise da sua ocorrência diante das novas formas e ferramentas de trabalho e a necessidade de preservação da dignidade da pessoa que trabalha

Bujak, Selena Maria Klock
Fonte: Pontifícia Universidade Católica do Rio Grande do Sul; Porto Alegre Publicador: Pontifícia Universidade Católica do Rio Grande do Sul; Porto Alegre
Tipo: Dissertação de Mestrado
PORTUGUêS
Relevância na Pesquisa
36.66%
Esta dissertação aborda o fenômeno do assédio moral, suas formas de apresentação e sua relação com o mundo do trabalho contemporâneo, caracterizado pelo avanço das novas tecnologias, pela necessidade de fácil adaptação às novas ferramentas de trabalho por parte dos empregados, pela precarização do mercado de trabalho e pela exacerbada exigência de produtividade. Nesse cenário, incentivase a competição desregrada e ilimitada entre os pares. O hábito de enxergar o empregado como custo e não como um investimento, o estímulo ao individualismo e a busca de lucros a qualquer preço acabam por incentivar a ocorrência de práticas hostis. O empregado, cada vez mais temeroso da perda do emprego ou ainda, de não se adaptar ou não apresentar a polivalência que lhe é cobrada, acaba se sujeitando às mais variadas práticas de humilhação e constrangimentos, que acontecem de forma sistemática e repetitiva. A dignidade da pessoa humana e a valorização do trabalho são princípios constitucionais que restam vilipendiados quando da ocorrência do fenômeno do assédio moral. O poder diretivo do qual o empregador é detentor, na medida em que assume os riscos do seu empreendimento, fornece-lhe suporte para coordenar e fiscalizar a prestação dos serviços. No entanto...

Convivere Con Il "Differente": Il modello italiano alla prova dell'immigrazione

Zanfrini,Laura
Fonte: Centro Scalabriniano de Estudos Migratórios Publicador: Centro Scalabriniano de Estudos Migratórios
Tipo: Artigo de Revista Científica Formato: text/html
Publicado em 01/06/2012 IT
Relevância na Pesquisa
66.6%
L'articolo descrive la transizione migratoria dell'Italia, che l'ha trasformata da paese d'emigrazione in uno dei principali poli attrattivi dell'attuale scenario migratorio internazionale; dà conto dell'impatto demografico e sociale dell'immigrazione, nonché del suo significato culturale - la trasformazione dell'Italia in un paese multietnico e multireligioso -; ripercorre l'evoluzione degli atteggiamenti degli italiani verso gli immigrati; affronta, infine, alcuni nodi irrisolti della vicenda migratoria italiana, con particolare riguardo al tema del governo dell'immigrazione e del suo impatto sul mercato del lavoro.

Mercato del lavoro e immigrazione in Spagna : disuguaglianze di genere e di etnia

Torns, Teresa; Moreno, Sara,; Borràs Català, Vicent; Carrasquer, Pilar,
Fonte: Universidade Autônoma de Barcelona Publicador: Universidade Autônoma de Barcelona
Tipo: Artigo de Revista Científica Formato: application/pdf
Publicado em //2012 ITA
Relevância na Pesquisa
46.17%
This article presents an analysis of the career paths of immigrant men and women in order to study the Spanish employment model. It takes into account the influence of changes in the sexual division of labour along the career paths. The main objective is to show the features of work and personal life of the immigrant population in the construction and care sectors. The results describe the impact that structural factors such as gender and ethnicity have on the career paths. The crossroads between gender and ethnicity creates a so-called “status inconsistency” defining in large part the career paths of immigrants. Work trajectories are characterized by a continuum transition between formal and informal sectors, becoming the social model of immigrant employment

Mercato del lavoro e assett del territorio in Italia. Tendenze e problemi degli ultimi venti anni

Ceccarelli, Paolo
Fonte: Universidade Autônoma de Barcelona Publicador: Universidade Autônoma de Barcelona
Tipo: Artigo de Revista Científica Formato: application/pdf
Publicado em //1974 ITA
Relevância na Pesquisa
36.17%

Flessibilità, lavoro atipico e rappresentanza sindacale. Una comparazione tra Italia e Brasile; Flexibilidade, trabalho atípico e representação sindical. Uma comparação entre a Itália e o Brasil

Columbu, Francesca
Fonte: Universidade de São Paulo. Faculdade de Direito Publicador: Universidade de São Paulo. Faculdade de Direito
Tipo: info:eu-repo/semantics/article; info:eu-repo/semantics/publishedVersion; ; Formato: application/pdf
Publicado em 06/12/2014 POR
Relevância na Pesquisa
56.71%
Il presente lavoro analizza le caratteristiche e le implicazioni che l’avvento del postfordismo comporta sulla nascita e lo sviluppo di forme di lavoro atipico e sulla relativa rappresentanza sindacale. Lo sviluppo della flessibilità nel mercato del lavoro e la diffusione di nuove tipologie contrattuali atipiche comporta, infatti, da un lato un accesso ai diritti sindacali maggiormente problematico in ragione delle diverse caratteristiche del rapporto di lavoro che di volta in volta lega il lavoratore al datore di lavoro o al committente, dall’altro si verifica una vera e propria destrutturazione della rappresentanza e dell’organizzazione collettiva del lavoro. In Italia, la risposta delle maggiori Confederazioni sindacali alla proliferazione del lavoro atipico si è concretizzata nella costruzione di strutture specifiche (Nidil, Felsa, UILTemp) che inglobano al loro interno le differenti tipologie atipiche del lavoro contemporaneo secondo una lettura trasversale del lavoro. Mentre, in Brasile il monopolio sindacale della rappresentanza, basato sul concetto di categoria, deve fare i conti con un modello di relazioni collettive semicorporativista. In contrasto con le incertezze e fragilità dell’attuale assetto sindacale, i fenomeni della destandardizzazione del rapporto di lavoro...

Le difficili condizioni di salu salute e di sicurezza dei la voratori atipici in Italia: Frammentazione, Atomizzazione e Scarse Tutele

Di Nunzio, Daniele
Fonte: RBEP Publicador: RBEP
Tipo: Artigo de Revista Científica Formato: application/pdf
Publicado em 26/12/2012 POR
Relevância na Pesquisa
36.17%
Lo scopo di questo saggio è studiare la flessibilizzazione del mercato del lavoro e la diffusione dei lavori atipici in Europa e in Italia e le loro conseguenze sulle condizioni di salute fisica e psicologica dei lavoratori.

PARTECIPAZIONE DEI LAVORATORI ALL’IMPRESA, COINVOLGIMENTO E NEGOZIAZIONE COLLETTIVA; SPUNTI COMPARATI ALLA RICERCA D’UN DENOMINATORE COMUNE EUROPEO - DOI: 10.12818/P.0304-2340.2013v63p181

Testa, Felice
Fonte: REVISTA DA FACULDADE DE DIREITO DA UFMG Publicador: REVISTA DA FACULDADE DE DIREITO DA UFMG
Tipo: info:eu-repo/semantics/article; info:eu-repo/semantics/publishedVersion; Artigo Avaliado pelos Pares Formato: application/pdf
Publicado em 05/05/2014 POR
Relevância na Pesquisa
36.39%
Il saggio rappresenta un’analisi comparata sul tema della partecipazione dei lavoratori all’impresa e delle sue declinazioni rispetto ai diritti di coinvolgimento sindacale. Gli ordinamenti giuridici messi a confronto sono l’ordinamento sovranazionale dell’Unione Europea e quelli della Germania, Francia, Spagna, Italia, cioè quelli di quei Paesi nei quali, gli ultimi due, e rispetto a i quali, i primi, la questione della partecipazione in senso ampio è più attuale nel dibattito scientifico ed in quello sulla produzione legislativa, cioèquello politico. L’Autore evidenzia l’insufficienza della tecnicanormativa, e dei conseguenti risultati, del diritto comunitario laddove guidati dalla c.d. armonizzazione verso l’alto (in particolare verso il modello tedesco) ed, invece, la maggiore utilità di un più recente approccio legislativo che tenga conto delle specificità nazionali fondanti (in primis i principi costituzionali circa i sistemi di rappresentanza e gli assetti contrattuali collettivi) e ne ricerchi un denominatore comune nel quale ciascun legislatore nazionale possa riconoscersi nel procedere all’attuazione di una disciplina sulla partecipazione. Scorrendo i “fili” ed i “nodi” della partecipazione nei diversi ordinamenti...