Página 1 dos resultados de 22 itens digitais encontrados em 0.001 segundos

Preservação da tradição jurídica luso-brasileira: Teixeira de Freitas e a introdução à consolidação das leis civis; Preservazione della tradizione giuridica luso-brasiliana: Teixeira de Freitas e la Consolidação das Leis Civis

Pousada, Estevan Lo Ré
Fonte: Biblioteca Digitais de Teses e Dissertações da USP Publicador: Biblioteca Digitais de Teses e Dissertações da USP
Tipo: Dissertação de Mestrado Formato: application/pdf
Publicado em 04/05/2006 PT
Relevância na Pesquisa
16.83%
O presente estudo tem por escopo analisar o papel desempenhado por Augusto Teixeira de Freitas na preservação da tradição jurídica luso-brasileira, em um ambiente conturbado pela ascensão de novos modelos jurídicos de fundo liberal. Tendo por objeto principal a abordagem da Introdução à Consolidação das Leis Civis, o trabalho tem seu desenvolvimento fundado em uma prévia contextualização histórica por meio da qual se busca demonstrar a inspiração jusracionalista das idéias sistematizadoras do autor. Como resultado das principais modificações implementadas pelas reformas pombalinas da aplicação e do ensino do direito - viabilizadas pela Lei da Boa Razão e pelos Novos Estatutos da Universidade de Coimbra (1772) - a mentalidade jurídica de Augusto Teixeira de Freitas evidencia aspectos de vanguarda quanto à estrutura dogmática empregada; em contrapartida, os estreitos limites oferecidos pelo sistema do direito subsidiário (aos quais se deve acrescentar a influência de Friedrich Karl von Savigny) representavam um fator de refreamento quanto às alterações relativas ao fundo do sistema jurídico privado. Neste panorama dois aspectos metodológicos justificaram a escolha do tema abordado em nosso estudo: em primeiro lugar os limites ao poder de criação de Augusto Teixeira de Freitas...

Contribuições ao estudo dos poderes instrutórios do juiz no processo civil: fundamentos, interpretação e dinâmica; Contributions to the study of judgespowers of investigation in civil procedures: fundaments, interpretation and operation.

Castro, Daniel Penteado de
Fonte: Biblioteca Digitais de Teses e Dissertações da USP Publicador: Biblioteca Digitais de Teses e Dissertações da USP
Tipo: Dissertação de Mestrado Formato: application/pdf
Publicado em 27/05/2010 PT
Relevância na Pesquisa
16.83%
O presente trabalho procura trazer uma contribuição ao estudo dos poderes instrutórios do juiz no processo civil, revisitando as teorias acerca dos institutos fundamentais do processo, enfocando o papel do ativismo judicial na dinâmica da relação jurídica processual e estruturando diretrizes para utilização desses poderes, em consonância com a busca pela efetividade do processo. A tônica da exposição é demonstrar a tendência cada vez mais acentuada de aumento dos poderes do juiz, como reflexo da influência do publicismo processual que impõe seja a tutela jurisdicional entregue de modo justo e efetivo. Seja no plano da evolução dos direitos constitucionais fundamentais, seja no aspecto do estudo do direito processual como ciência autônoma, atualmente em sua fase instrumentalista, seja ainda na perspectiva das ondas renovatórias traçadas por Mauro Cappelletti, uma das conclusões a que se chega é a convergência pela necessidade de uma justiça efetiva cujas vertentes reclamam o ativismo judicial, a fundamentar os poderes instrutórios do juiz. Sendo o processo uma relação jurídica de direito público, pertence ao Estado-juiz o interesse em conceder a tutela jurisdicional de forma a aplicar a vontade concreta da lei...

Ativismo judicial na justiça do trabalho; Attivismo giudiziario nella giustizia del lavoro

Assis, Luís Fabiano de
Fonte: Biblioteca Digitais de Teses e Dissertações da USP Publicador: Biblioteca Digitais de Teses e Dissertações da USP
Tipo: Tese de Doutorado Formato: application/pdf
Publicado em 19/12/2011 PT
Relevância na Pesquisa
16.83%
A juridificação das relações sociais, processo complexo de colonização do mundo da vida pelo Direito, fez emergir um potencial protagonismo judicial em grande parte das experiências democráticas ocidentais. Entre os aspectos e desdobramentos mais importantes desse processo, que auxiliam a identificação desse potencial, destacam-se: a expansão dos padrões regulatórios; a indeterminação do direito contemporâneo; a materialização do direito formal; a crise da divisão funcional dos poderes; o afastamento de um modelo decisório eminentemente subsuntivo; o fortalecimento da função pragmática da hermenêutica jurídica; a expropriação de conflitos; a ampliação do controle judicial contramajoritário; o aumento da independência política do Poder Judiciário; a convergência normativa e institucional das experiências jurídicas democráticas; a influência do ideário do juiz ativo, ampliado para contemplar o tratamento de conflitos de massa e a promoção judicial de soluções não adjudicatórias; a expansão da litigância de interesse público; e, ainda, as mudanças na relação entre os órgãos judiciais e os meios de comunicação de massa. O potencial protagonismo judicial, ao avançar as fronteiras do poder judicial em sua concepção tradicional...

O contrato de penhor; Il contrato di pegno

Liquidato, Alexandre Gaetano Nicola
Fonte: Biblioteca Digitais de Teses e Dissertações da USP Publicador: Biblioteca Digitais de Teses e Dissertações da USP
Tipo: Tese de Doutorado Formato: application/pdf
Publicado em 07/05/2012 PT
Relevância na Pesquisa
16.83%
Neste trabalho é investigado o contrato de penhor nos três planos do mundo jurídico, para o fim de que seja proposto um modelo dogmático que lhe seja peculiar e que esteja em harmonia com o anseio de modernização das técnicas de garantia das relações jurídicas obrigacionais. Essa tarefa envolve o estudo de noções tradicionalmente assentadas sobre os pilares lógicos do direito privado, em consonância com as relevantes contribuições da ciência econômica, num fenômeno de reconhecimento da condicionalidade recíproca. Propõem-se, então, os elementos de existência, os requisitos de validade e os fatores de eficácia do contrato de penhor, para que, em seguida, seus efeitos mais importantes sejam investigados, quer no campo do direito das obrigações, como no do direito das coisas. Isso implica, igualmente, as ações materiais pignoratícias, lançando-se o trabalho numa última etapa de desenvolvimento para a proposição de elementos particulares do contrato de penhor qualificáveis como anômalos, num movimento de convergência com a tarefa de atualização técnica almejada.; Nel presente lavoro si esamina il contratto di pegno sui tre piani del mondo giuridico, al fine di proporre un modello dogmatico che gli sia peculiare e che sia in armonia con il desiderio della modernizzazione delle tecniche di garanzia dei rapporti giuridici obbligazionari. Tale compito presuppone lo studio delle nozioni tradizionalmente fondate sui pilastri logici del diritto privato...

The Phosphatidylinositol 3-Kinase p85alpha is the physical link between cAMP-PKA and retinoic receptor trasduction pathways.

DONINI, CATERINA FRANCESCA
Fonte: La Sapienza Universidade de Roma Publicador: La Sapienza Universidade de Roma
Tipo: Tese de Doutorado
EN
Relevância na Pesquisa
16.83%
I membri della famiglia di proteine della fosfoinositide-3-OH chinasi (PI3K) sono spesso coinvolti nella regolazione di vari processi cellulari, come la sopravvivenza, la crescita, la proliferazione e la motilità, e rappresentano alcune fra le proteine più mutate nei tumori (Bunney T.D. e Katan M., 2010). Numerosi studi sui meccanismi molecolari coinvolti nella trasduzione del segnale della PI3K hanno dimostrato che la subunità regolativa della PI3K, p85α, è responsabile di molte interazioni proteina-proteina. Attraverso il dominio inter-SH2 (iSH2), la p85αPI3K interagisce con la subunità catalitica della PI3K, p110PI3K (Klippel A. et al, 1993), mentre con i domini SH3 e SH2 interagisce con tirosin-chinasi, proteine adattatrici, recettori nucleari e con la Protein-Chinasi A (PKA) (Hellyer N.J. et al, 1998; McGlade C.J. et al., 1992; Ciullo I. et al., 2001; Cosentino C. et al., 2007). Nonostante sia stato largamente studiato il ruolo del dominio SH2 della p85αPI3K nella trasduzione del segnale, la funzione del dominio SH3 è ancora poco chiara. L’Acido Retinoico (RA) è un derivato della vitamina A che regola la crescita cellulare, la differenziazione e l’apoptosi (DeLuca L.M., 1991; Sporn M.B e Roberts A.B., 1994)...

La campagna abitata; Una nuova dimensione dell’abitare tra l’urbano ed il rurale; Forme, rappresentazioni e qualità

ESPOSITO, FABRIZIO
Fonte: La Sapienza Universidade de Roma Publicador: La Sapienza Universidade de Roma
Tipo: Tese de Doutorado
IT
Relevância na Pesquisa
16.83%
La tesi esplora il campo teorico delle definizioni terminologiche e sperimenta la pratica delle rappresentazioni al fine di interpretare e descrivere un nuovo “fenomeno urbano”, che sta diffondendosi in modo capillare, anche se non sempre evidente, nei territori rurali un tempo vocati all’agricoltura. Diversamente da quanto avvenuto nel passato recente, il nuovo fenomeno non si diffonde nei territori meno resistenti delle pianure e dei fondovalle, assoggettando la “campagna” alla diffusione di forme urbane, funzionali all’innovazione delle attività produttive, ma risale le pendici collinari, intrecciando nuovi modi di abitare “urbanamente la campagna” con il mondo agricolo tradizionale, e spesso marginale, della collina. La “campagna”, per un verso, è investita da processi produttivi e organizzativi che ne rimodellano i contenuti umani. Per altro verso, appare come il riflesso delle dinamiche urbane, di cui è riserva soprattutto di “spazio”. Le modificazioni profonde che marcano l’attività agricola del territorio italiano nel corso dell’ultimo mezzo secolo (de-ruralizzazione, da un lato e passaggio dalla coltura promiscua a quella specializzata di tipo industriale, dall’altro) parlano di diffusione dell’agricoltura part-time...

RISPOSTA ALLE VARIAZIONI EUSTATICHE E TROFICHE DEI SISTEMI DI PIATTAFORMA CARBONATICA OLIGO-MIOCENICI DEL MEDITERRANEO OCCIDENTALE

TOMASSETTI, LAURA
Fonte: La Sapienza Universidade de Roma Publicador: La Sapienza Universidade de Roma
Tipo: Tese de Doutorado
IT
Relevância na Pesquisa
16.83%
L’intervallo Oligo-Miocene rappresenta un intervallo temporale cruciale poiché caratterizzato da una molteplicità di fattori sia climatici, oceanografici, sedimentologici e geodinamici che hanno svolto un ruolo fondamentale nello sviluppo delle successioni sedimentarie. Nell’Oligocene inizial’evoluzione verso le condizioni climatiche attuali; in prossimità del Miocene medio, la coltre glaciale dell’Antartico orientale si era già totalmente formata e la circolazione oceanica tendeva verso condizioni analoghe alle attuali. Una volta definita la situazione oceanografica, la struttura climatica si avviò verso quella quaternaria. Ciononostante molti punti dell’evoluzione del sistema oceanografico-climatico del Mediterraneo rimangono da chiarire. Nel Mediterraneo, nel Miocene si ha lo sviluppo di diverse fattorie carbonatiche dipendenti dalla batimetria, dalle temperature e anche dalle condizioni trofiche, con differenti tassi di produzione, che generano diversi tipi di piattaforme carbonatiche che rispondono diversamente alle oscillazioni relative del livello marino. In questo lavoro saranno analizzate successioni sedimentarie miste carbonatico-silicoclastiche e carbonatiche di età Oligocene superiore-Miocene affioranti nel Mediterraneo occidentale. Tali successioni si sono deposte in due contesti geodinamici differenti: uno di retroarco (back-arc) e uno di avampaese (foreland). Per quanto riguarda il dominio di retroarco sono state prese in esame le successioni carbonatico-terrigene burdigaliane affioranti nel bacino di Bonifacio (Corsica meridionale) e a Capo Testa (Sardegna settentrionale) mentre invece per il dominio di avampaese sono stati studiati i depositi oligo-miocenici a sedimentazione carbonatico della Formazione di Bolognano (Montagna della Majella...

VALORIZZAZIONE E RECUPERO DELLE AREE PROTETTE IN AMBITO URBANO: UNA STRATEGIA ATTUATIVA SULLA BASE DELLE INNOVAZIONI DEL CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO; Indirizzi per una possibile gestione delle attività incompatibili

ANDREONI, ELENA
Fonte: La Sapienza Universidade de Roma Publicador: La Sapienza Universidade de Roma
Tipo: Tese de Doutorado
IT
Relevância na Pesquisa
17.51%
Oggetto della ricerca è l’eliminazione delle attività incompatibili presenti nelle aree protette in ambito urbano o metropolitano, perseguibile tramite il loro trasferimento, pianificato e governato dal soggetto pubblico, precisando che per incompatibilità si intende quella che viene esplicitamente riconosciuta dall’Amministrazione e/o dagli Enti gestori e determinata dagli strumenti urbanistici, senza entrare nel merito della valutazione che sta alla base di tale riconoscimento e dichiarazione. Obiettivo della tesi è stato quello di ipotizzare un percorso praticabile per le PA, basato sulla convergenza di strategie urbanistiche ed economiche. I diversi strumenti - urbanistici e non - e modalità, vengono proposti in una “combinazione” innovativa ma strettamente legata alle possibilità offerte dalla disciplina urbanistica, alla luce delle rilevanti novità giuridiche in campo di tutela paesaggistica e ambientale. La tesi è articolata in due parti distinte: nella prima si definiscono il tema di ricerca e le problematiche ad esso connesse, analizzando le possibilità di intervento finora attuate e i loro limiti; nella seconda viene proposta la strategia di intervento e ne vengono esaminate le componenti normativo- giuridiche...

Santa Sede e Stati Uniti tra il 1936 e il 1939

SABA, MASSIMO
Fonte: La Sapienza Universidade de Roma Publicador: La Sapienza Universidade de Roma
Tipo: Tese de Doutorado
IT
Relevância na Pesquisa
16.83%
Con questo lavoro di ricerca si intende ricostruire ed analizzare uno degli aspetti più interessanti della storia dei rapporti fra Santa Sede e Stati Uniti del XX secolo, cioè il ripristino delle formali relazioni diplomatiche fra i due stati. L’interesse per questa tematica è nato a seguito della lettura del volume di Ennio Di Nolfo “Vaticano e Stati Uniti 1939-1952” opera fondamentale per l’argomento, nella quale si fa particolare riferimento al carteggio di Myron Taylor, l’inviato personale del presidente Roosevelt presso Pio XII. Nel 1939, con l’inizio e successivamente l’inasprimento del secondo conflitto mondiale, il presidente statunitense Roosevelt stava entrando nell’ordine di idee di un intervento americano diretto nel conflitto, evento che avrebbe richiesto l’adozione di scelte coraggiose. Una di queste fu la decisione di ripristinare i rapporti diplomatici con la Santa Sede; il Presidente rese nota la sua volontà nel messaggio natalizio a Pio XII, il 23 dicembre 1939. Parallelamente all’invio di Myron C. Taylor in Vaticano come suo rappresentante personale, si alzò un coro di decise proteste sia da parte delle autorità fasciste, sia da parte dell’opinione pubblica che del protestantesimo americano. Per Mussolini...

Il tirocinio universitario e post-universitario alla Sapienza-Università di Roma: valutazione degli esiti mediante il giudizio degli utenti.

PAPA, DONATELLA
Fonte: La Sapienza Universidade de Roma Publicador: La Sapienza Universidade de Roma
Tipo: Tese de Doutorado
IT
Relevância na Pesquisa
16.83%
Il lavoro è articolato in tre parti, ha lo scopo di valutare la formazione al lavoro definita come: la formazione orientata a completare, integrare e avviare processi di acquisizione di competenze e di conoscenze professionalizzanti all’interno e alla fine del percorso universitario. Questo è il tema della presente trattazione. Nella prima parte, costituita dal primo e dal secondo capitolo, si è preso in considerazione la convergenza tra due sistemi formativi, quello universitario e quello professionale, alla luce della normativa vigente. Nella seconda parte, costituita dal terzo capitolo, si è messo a punto il disegno della ricerca che ha esplorato gli elementi necessari per la costruzione dello strumento di rilevazione, le relazioni tra le diverse aree d’indagine e una prima descrizione del campione. Nella terza e ultima parte, composta dal quarto capitolo, si è tracciato, quindi, l’identikit dei tirocinanti per facoltà, per tipologia di tirocinio aziendale e per tipologia di lavoratore in entrata nel mondo del lavoro. Successivamente, sfruttando gli strumenti dell’analisi multivariata, si è elaborato un modello di regressione in grado di evidenziare i principali fattori che favoriscono il raggiungimento dei risultati...

Per una interpretazione delle nuove TV; Dai giochi linguistici ai giochi mediali

LIBERACE, PAOLA
Fonte: La Sapienza Universidade de Roma Publicador: La Sapienza Universidade de Roma
IT
Relevância na Pesquisa
16.83%
La tesi riporta i risultati dell’indagine sulle ultime entità mediali sorte dall’evoluzione della TV. La ricerca ripercorre i casi di studio più significativi che incarnano la trasformazione in corso, domandandosi come sia possibile interpretarne il significato. Rispetto alle tante proposte teoriche già avanzate, l’obiettivo non è quello di giungere a una definizione il più possibile ultimativa della TV e delle ultime forme mediali ad essa correlate, ma semmai quello di verificare quale modello teorico sia necessario adottare per comprenderne gli sviluppi. Concentrandorsi sul medium, l’indagine sceglie di guardare al consumo, invece che alla produzione, e quindi di inquadrare anzitutto il pubblico: piuttosto che contrapporre “vecchie” e “nuove” audience, viene evidenziato il loro tentativo comune di colmare le lacune dell’esistenza attraverso i significati ricevuti, rielaborati, ricreati tramite la TV. Il modello teorico che viene proposto è quindi di tipo linguistico, mutuato dalla filosofia di Wittgenstein, e prevede di interpretare le “nuove TV” come altrettanti “giochi mediali”, in cui i partecipanti – membri della “forma di vita” dell’audience – non si limitano a condividere e applicare regole di significato...

Cinema e letteratura. Convergenza, divergenza e interferenza. Lo schema narativo canonico della trasposizione

Passeri, Alberta
Fonte: Universidade da Coruña Publicador: Universidade da Coruña
Tipo: Conferência ou Objeto de Conferência
ITA
Relevância na Pesquisa
16.83%
[Resumen] La práctica de realizar largometrajes inspirados en obras literarias es, hoy en día, muy aceptada y consolidada. Las herramientas teóricas de análisis como la literatura comparada, la semiótica visual o fílmica y la narrativa audiovisual son ampliamente reconocidas. Aún así, cuando el séptimo arte estaba en los albores, ni la crítica ni la literatura comparada enfocaron la importancia necesaria en la relación entre cine y literatura. El siglo anterior ha sido testigo del imposición del cine como arte independiente y el primer vínculo que se ha tenido que romper ha sido el de la página escrita. La relación entre cine y literatura es compleja y ha generado muchas teorías a lo largo de la historia; en este artículo se analizarán los principales puntos de convergencia, divergencia e interferencia que median entre los dos artes. Se procederá además a la presentación del esquema canónico de Paz Gago. Un esquema que, aún no siendo definitivo, ha demostrado ser muy útil a la hora de representar gráficamente el análisis de las transposiciones audiovisuales.

Scienza dentro e fuori: modelli di produzione e trasmissione del sapere scientifico nella società della conoscenza

PONTECORVO, MARIA ELENA
Fonte: La Sapienza Universidade de Roma Publicador: La Sapienza Universidade de Roma
Tipo: Tese de Doutorado
IT
Relevância na Pesquisa
16.83%
Il lavoro esamina le trasformazioni nei meccanismi di produzione e di trasmissione del sapere scientifico nella nuova cornice della società della conoscenza. Quello che è stato definito il passaggio da un'era "accademica" a un'era "post-accademica" della scienza (Ziman 1987) introduce un profondo mutamento sia epistemologico che pratico del mondo di fare scienza che implica il superamento dei confini disciplinari da un lato e l'apertura verso nuovi centri di produzione della conoscenza dall'altro. Analoghe trasformazioni si riscontrano anche sul versante della trasmissione della conoscenza scientifica sia in termini di insegnamento che di trasferimento della conoscenza agli ambienti produttivi. Da ultimo, la natura di "bene pubblico" che la conoscenza assume nella società contemporanea impone che venga posta l'attenzione anche sulla comunicazione esterna della scienza e sulle possibilità che il pubblico dei "non esperti" ha di accedere ed utilizzare le conoscenze scientifiche nell'esercizio dei propri diritti di cittadinanza. Il quadro teorico così delineato viene specificato all'interno del contesto universitario, assunto come campo di osservazione empirica dell'indagine. Da sempre istituzione egemonica nella produzione della conoscenza scientifica...

NoBDay: la partecipazione non convenzionale e il Web 2.0

CITATI, VALENTINA
Fonte: La Sapienza Universidade de Roma Publicador: La Sapienza Universidade de Roma
IT
Relevância na Pesquisa
16.83%
Il dibattito sull’impatto di Internet sui nuovi significati della politica, della partecipazione e sulle pratiche discorsive che la supportano si è trasferito di recente ai siti di social network. Facebook in particolare, in ragione dell’incredibile successo in tutto il mondo, ha attirato l’interesse di una quota crescente di studiosi. L’analisi delle strategie di comunicazione di un movimento nato e diffusosi proprio su questa piattaforma, quale il NoBDay, conferma i vantaggi e i limiti che il web offre agli attori sociali non convenzionali. I dati raccolti relativi alla presenza online del movimento sulle diverse piattaforme- sito, blog wordpress e pagina Facebook- hanno confermato l’ipotesi di un ‘ibridismo’ osservabile a più livelli: delle strutture organizzative, dei repertori di azione, degli strumenti di comunicazione e delle modalità di interazione. Allo stesso modo piuttosto che una totale disintermediazione le accresciute possibilità di produzione autonoma di contenuti offerte dalla rete si sono tradotte in una integrazione e convergenza tra media mainstream e alternativi (blog e forum) attraverso una sorta di circolo virtuoso di potenziamento tra media diversi. Così se il sito e il blog sono stati importanti soprattutto a livello informativo e organizzativo...

OTTIMIZZAZIONE DI SCUDI TERMICI PER MANOVRE ORBITALI AEROASSISTITE

MAZZARACCHIO, ANTONIO
Fonte: La Sapienza Universidade de Roma Publicador: La Sapienza Universidade de Roma
Tipo: Tese de Doutorado
IT
Relevância na Pesquisa
16.83%
L’utilizzazione dell’atmosfera planetaria, con l’intento di ridurre la massa di propellente necessaria per effettuare una manovra orbitale attorno al pianeta stesso, è una tecnica valutata da tempo con molto interesse per i potenziali benefici ottenibili. Ogni risparmio in propellente, infatti, può essere trasformato in un aumento di carico utile trasportato oppure in un ampliamento di taluni sottosistemi del veicolo spaziale. Normalmente al fine di poter trarre il massimo benefico da una manovra aeroassistita diventa indispensabile un “uso più intenso” del segmento atmosferico del volo spaziale, sia per profondità degli strati attraversati ed anche per durata di tempo di volo. Questi fatti implicano come diretta conseguenza l’adozione di uno scudo termico più massiccio. Un naturale interrogativo che scaturisce a questo punto – e che si è trasformato nella research question alla base del presente lavoro – è se l’accresciuta massa del sistema di protezione termica possa diminuire fortemente o, al limite, cancellare il beneficio derivante dal risparmio di propellente rendendo inefficace il ricorso alla manovra aeroassistita. Lo scopo principale della ricerca è stato quindi quello di trovare, per una data missione aeroassistita...

La letteratura postcoloniale italiana. Strategie di auto-rappresentazione in tre scrittrici africane-italiane.

DE VIVO, BARBARA
Fonte: La Sapienza Universidade de Roma Publicador: La Sapienza Universidade de Roma
Tipo: Tese de Doutorado
IT
Relevância na Pesquisa
16.83%
La ricerca svolta nella mia tesi di dottorato ha come obiettivo principale l'analisi di romanzi e racconti prodotti da tre scrittrici postcoloniali africane-italiane contemporanee – Gabriella Ghermandi, Ubax Cristina Ali Farah e Igiaba Scego - legate per storia personale alle ex-colonie italiane d'Eritrea, Etiopia e Somalia. Con la scelta di definire queste scrittrici postcoloniali intendo collocarle all'interno di quel movimento intellettuale – definito appunto postcoloniale – che, attraverso pratiche critiche estetiche e testuali, rilegge e riscrive la storia del passato coloniale dal punto di vista degli ex-colonizzati, e alla luce delle ricadute di tale passato nella contemporaneità. Il focus principale della ricerca si concentra sulle strategie di auto-rappresentazione messe in atto nei romanzi e nei racconti in esame. Questa tesi si colloca dal punto di vista disciplinare sui confini – di per sé porosi – tra gli studi postcoloniali, gli studi culturali e gli studi di genere. Per questa ragione in questo studio mi doto di strumenti teorici provenienti da disparati settori disciplinari: la critica letteraria, la sociologia della letteratura, gli studi storici sul colonialismo, l'antropologia, la sociologia, gli studi sulle migrazioni...

La percezione della legalità nella scuola, lo sviluppo economico e del capitale sociale nell’Italia meridionale. Una misura di sintesi e un confronto sul territorio nazionale.

ZICARI, SANDRO
Fonte: La Sapienza Universidade de Roma Publicador: La Sapienza Universidade de Roma
Tipo: Tese de Doutorado
IT
Relevância na Pesquisa
16.83%
L’obiettivo del lavoro è stato identificare e verificare le relazioni che legano il capitale sociale e la crescita economica alla percezione della legalità, nelle regioni italiane con particolare interesse a quattro regioni dell’Italia meridionale, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia, appartenenti all’Obiettivo Convergenza dell’Unione Europea, cercando un punto di sintesi tra i risultati di due metodologie di analisi della legalità percepita tra i ragazzi degli Istituti di Istruzione Secondaria di Primo e di Secondo Grado (Progetto PON Sicurezza) da un lato e di stima del Capitale Sociale. Si ritiene di aver apportato un elemento di novità, avendo integrato l’approccio individuale della stima della percezione della legalità degli adolescenti (parte del concetto di capitale sociale individuale di Backer) del Progetto PON con la proposizione di un modello di stima, strutturale, della misura del Capitale Sociale, identificato con le reti di relazioni interpersonali, con gli atteggiamenti culturali e con i comportamenti effettivamente tenuti dagli agenti, la società adulta, insistenti sul medesimo territorio. Il primo dato che emerge dai risultati delle due analisi è che le reti di relazioni, il cosiddetto “Fattore di Prossimità”...

Nationalisme et cosmopolitisme chez Alfredo Casella (1883-1947)

Comtois, Justine
Fonte: Université de Montréal Publicador: Université de Montréal
Tipo: Thèse ou Mémoire numérique / Electronic Thesis or Dissertation
FR
Relevância na Pesquisa
16.83%
Cette thèse a pour objectif d’approfondir les notions de nationalisme et de cosmopolitisme ainsi que les liens qui peuvent exister entre elles à travers l’œuvre et la carrière de Casella. Le pianiste et compositeur italien Alfredo Casella est né à Turin en 1883. Les conservatoires italiens de l’époque ne pouvant lui offrir une formation musicale adéquate et complémentaire à celle reçue auprès de sa famille, Casella gagne la France. Il fait ses études au Conservatoire de Paris jusqu’en 1902, auprès de Gabriel Fauré et Louis Diémer. Au cours de ces années passées en France (1896-1915), Casella prend une part active dans la vie musicale parisienne. Il se produit dans plusieurs salons, dans de nombreux concerts organisés par des sociétés françaises (à la fois comme pianiste et comme compositeur). À travers son activité journalistique très riche, Casella s’implique activement dans les débats et les polémiques ayant cours à l’époque dans le milieu musical français. Lors de ces dix-neuf années françaises, Casella est exposé aux courants nationalistes qui habitent les milieux artistiques français. Parallèlement à ces tendances, Casella baignera dans les diverses influences étrangères (russes...

Merleau-Ponty e Lévi-Strauss : reconstrução de um diálogo entre filosofia e ciências humanas

Scarso, Davide, 1970-
Fonte: Universidade de Lisboa Publicador: Universidade de Lisboa
Tipo: Tese de Doutorado Formato: application/pdf
Publicado em //2008 POR
Relevância na Pesquisa
16.83%
Tese de doutoramento, Filosofia (Epistemologia e Filosofia da Ciência), Universidade de Lisboa, Faculdade de Letras, 2009; Esta tese tem como objectivo a reconstrução do diálogo intelectual entre Maurice Merleau-Ponty e Claude Lévi-Strauss, tema que em toda a sua complexidade nunca foi objecto de um estudo sistemático. Como não apontamos para uma comparação entre a obra de Merleau-Ponty' e a obra deLévi-Strauss' na sua globalidade, mas para a investigação da relação concreta entre os seus percursos teóricos, o enfoque foi colocado sobretudo, mas não exclusivamente, num período delimitado compreendido entre o princípio dos anos 30 e a morte de Merleau-Ponty. Nos primeiros dois capítulos faz-se uma retrospectiva das obras dos dois pensadores até finais da década de quarenta. O terceiro capítulo estabelece uma primeira comparação, a partir de um curso que Merleau-Ponty leccionou na Sorbonne no ano académico 1950/51 em que se elabora uma breve análise crítica da Introduction à l'oeuvre de Marcel Mauss' de Lévi-Strauss. Para considerar plenamente este encontro' inicial, foi incluído na análise um espaço sobre a questão da linguagem na reflexão de Merleau- Ponty que ganhou a partir deste período uma nova centralidade procedendo-se depois à comparação das suas abordagens à psicanálise freudiana e...

Come parlano gli italiani

De Mauro, Tullio
Fonte: Universidade Autônoma de Barcelona Publicador: Universidade Autônoma de Barcelona
Tipo: Article; info:eu-repo/semantics/article; info:eu-repo/semantics/publishedVersion Formato: application/pdf
Publicado em //2005 ITA
Relevância na Pesquisa
17.51%
In molti paesi del mondo la realtà plurilingue delle società è stata a lungo soffocata o ignorata. Dalla seconda metà del Novecento in molti, forse in tutti i paesi, un intreccio di fenomeni sociopolitici ed economici e il progresso degli studi linguistici hanno portato alla ribalta le effettive realtà plurilingui. L'Italia è, dai secoli del Medio evo, un paese accentuatamente plurilingue. I deficit di istruzione hanno a lungo reso difficile la convergenza verso un idioma unico, cioè verso il fiorentino considerato dal ceto colto, fin dal Cinquecento, come la lingua nazionale..La convergenza si è finalmente realizzata, sotto la spinta di fattori demografici, economici e, in parte, educativi soltanto in anni recenti. L'adozione dell'italiano coinvolge ormai oltre il 95% della popolazione, che, tuttavia, al 60% conserva l'uso di uno dei molti dialetti caratteristici del Paese o di una delle 14 lingue di minoranza. L'uso della lingua comune è tuttora segnato sia da tratti oggettivamente contrastanti o sovrabbondanti nella morfologia e nel lessico sia da notevoli variazioni regionali sia, infine, da difficoltà che i locutori incontrano nel maneggiare una lingua di antica tradizione e non semplice.; In many countries around the world...